Dogoni africani: un genio miracoloso o un residuo di civiltà extraterrestre?

339943x 01. 02. 2015 1 Reader

La famiglia Dogon che vive nella Repubblica del Mali oggi è conosciuta in tutto il mondo. Dogon, Bambara tribù così, ha sbalordito il mondo scientifico e la gente comune accurata conoscenza astronomica quella tribù sono state accuratamente trasferiti e memorizzati per centinaia di anni!

L'informazione che Dogoni custodiva era, fin dall'inizio, un rappresentante della scienza moderna percepita solo come la vecchia mitologia di una tribù selvaggia. Ma col passare del tempo, quando lo sviluppo tecnologico ha permesso all'umanità di guardare in profondità nello spazio, gli scienziati sono rimasti sbalorditi da ciò che hanno scoperto. È emerso che Dogoni ha padroneggiato le conoscenze precise dell'astrofisica fin dai tempi antichi (senza usare attrezzature moderne). Più precisamente, conoscevano la struttura della galassia, la sua forma a spirale, persino la descrizione di tutti i pianeti del nostro sistema solare. La loro conoscenza dei satelliti sia di Giove che delle stelle lontane Sirius era ammirevole.

È interessante notare che Sirio, come la dimora degli dei, appare nei miti e nelle leggende della tribù Dogon, come nel caso dei riferimenti egizi.

Secondo le loro leggende, gli dei discendono dal cielo e insegnano diversi mestieri e arti. Hanno dato loro una conoscenza approfondita della struttura dell'universo e poi sono tornati a casa. La conoscenza astronomica dei sacerdoti dogoniani è ancora stupita dagli etnografi e dai sostenitori paleoastronauti.

Nel sud del Mali, sul pianoro di Bandiagara apparso in spedizione 1931 francese, guidato da antropologi Marcel Griaule e Germaine tribù Dieterlenem Dogon. Griaule e i suoi colleghi hanno studiato questa fantastica tribù fino a 1952.

Era una meraviglia: mentre i Dogoni vivevano in totale isolamento dal mondo esterno, passavano di generazione in generazione per migliaia di anni antiche conoscenze astronomiche che a quel tempo anche la scienza moderna aveva appena discusso.

Ad esempio, la teoria del "big bang", sull'origine, l'espansione dell'universo o altra teoria, gli astronomi stanno discutendo fino ad oggi.

Ma i sacerdoti Dogon di 1930 hanno detto ai viaggiatori: "All'inizio dell'Onnipotente Onnipotente, la più alta divinità, c'era un enorme uovo rotante nel cui centro era nato un piccolo seme. E quando crebbe e scoppiò, l'universo nacque. "

Ma una delle scoperte più eccitanti di Dogon è che la stella più luminosa del cielo nella costellazione di "Big Dog" Sirius - è un sistema di quattro corpi!

Costellazione di orbite Sirio

Costellazione di orbite Sirio

Hanno chiamato il corpo più vicino Po"Questa stella si compone di incredibilmente pesante, metallo denso così pesante che tutti gli esseri terrestri non sarebbero in grado di sollevare insieme", ha detto etnografie francesi.

Po o Sirio B (stelle con compagni vicini sono indicati con lettere dell'alfabeto - A, B, C, D, ecc.) gli astronomi scoperti all'inizio del XX secolo, ma hanno anche scoperto che si trattava di una nana bianca - una stella superstar fumante.

Recentemente, alcuni astronomi hanno scoperto che strane anomalie gravitazionali si verificano in Siria, quindi la presenza di diverse stelle non può essere esclusa. L'affascinante domanda rimane, tuttavia, come sapeva Dogoni.

Per la prima volta sui risultati della spedizione francese e sulla conoscenza dei dogon sullo spazio, Eric Guerrier ha scritto nel libro Saggio su cosmogonia Dogon: archa Nommoe anche il famoso scrittore Robert Temple in un libro fantastico Il segreto della Siria.

Articoli simili

Commenti di 3 su "Dogoni africani: un genio miracoloso o un residuo di civiltà extraterrestre?"

Lascia un Commento