Gli archeologi scoprono i tesori dei faraoni egiziani nell'acqua sotto le piramidi

14778x 09. 08. 2019 1 Reader

Certo, quando pensiamo alle piramidi, pensiamo all'Egitto. Ma tu lo sapevi ci sono anche più piramidi in Sudan che in Egitto? Questo è il caso e gli archeologi hanno scoperto tesori sepolti con i faraoni neri egiziani nell'acqua sottostante. Nel deserto di sabbia sudanese vicino al Nilo, in campagna intorno a Nuri - antico luogo di sepoltura con tombe di faraoni neri egiziani, sorge venti piramidi.

Faraoni neri

L'Egitto fu governato dai faraoni neri solo per un breve periodo tra 760 e 650 a.C. A differenza di altri sovrani egiziani, i re di Nuri furono sepolti sotto di loro invece che nelle piramidi. Immagina enormi lapidi piuttosto che tombe. E la tomba si trova sotto la sabbia.

Archeologia subacquea

Ora, cosa c'entra questo con "archeologia subacquea"? Dopo aver scoperto la scala che conduce alla prima camera con la tomba di Nastasen, l'ultimo sovrano di Nuri, una squadra di archeologi si imbatté in acqua. Ciò significava che se volevano esplorare il contenuto all'interno della tomba, dovevano immergersi nell'acqua. Il team, guidato dall'archeologa subacquea Pearce Paul Creasman, appositamente addestrato per spedizioni simili, ha utilizzato pompe ad aria con lunghi tubi di alimentazione dell'ossigeno, rendendo possibile fare a meno delle bombe ad ossigeno pesante attaccate alla schiena.

Creasman ha installato una vasca d'acciaio nell'acqua, che gli ha permesso di passare senza preoccuparsi della caduta di pietre in caso di collasso. Quando è entrato, ha visto la tomba che è stata vista per l'ultima volta dall'archeologo George Reisner di Harvard quasi cento anni fa. In quel momento, poco dopo averlo scoperto, lasciò questo posto a causa dell'acqua, che a quel tempo raggiunse solo le sue ginocchia. Uno dei membri del suo team ha persino scavato l'albero e sollevato i manufatti dalla terza camera.

Creasman per BBC News afferma:

“Ci sono tre camere delle dimensioni di un piccolo autobus con bellissimi soffitti a volta. Cammini da una camera all'altra, nero e nero, sai di essere nella tomba, anche se la torcia è spenta. E i segreti nascosti qui stanno iniziando a rivelarti. "

L'archeologo subacqueo Kristin Romey si è unito a Creasman e ha scritto della loro scoperta della tomba in National Geographic.

“Io e Creasman eravamo entrambi addestrati per la ricerca archeologica subacquea, quindi quando ho sentito che aveva ricevuto una borsa di studio per ricercare le antiche tombe affondate, l'ho chiamato e gli ho chiesto di unirsi a lui. Solo poche settimane prima del mio arrivo, entrò per la prima volta nella tomba di Nastasen. Nuotò prima attraverso la prima camera, poi attraverso la seconda camera fino alla terza e all'ultima stanza, dove poteva vedere quello che sembrava un sarcofago reale sotto pochi centimetri di acqua. La bara di pietra sembrava non aperta e non danneggiata. "

Esplorazione delle camere

Ora l'acqua era molto più profonda. Romey scrive che ciò è dovuto all'aumento delle acque sotterranee, causato dal cambiamento climatico naturale e causato dall'uomo, dall'agricoltura intensiva e dall'attuale costruzione di dighe lungo il Nilo. "Il compito principale della spedizione è testare le attrezzature e gettare le basi per futuri scavi, e persino l'albero di Reisner, che può ancora nascondere tesori.

Romey ha scritto:

“Entriamo nella terza camera nuotando attraverso un basso portale ovale scolpito nella pietra. Il sarcofago di pietra è appena visibile sotto di noi - uno spettacolo emozionante - e poi vediamo un pozzo che è stato frettolosamente scavato dall'operaio nervoso di Reisner cento anni fa. ”

Archeologia subacquea

Si scopre che Reisner e il suo team hanno perso molte altre scoperte.

"Quando scopriamo l'albero di Reisner - riempiamo i secchi di plastica di sedimenti, li trasferiamo nella seconda camera d'aria, setacciandoli per artefatti - scopriamo fogli sottili di oro puro che probabilmente coprivano pezzi rari che si erano dissolti da tempo nell'acqua."

Scavi nel cimitero reale di Nuri

Risultati preziosi all'interno delle camere

I risultati dimostrano che gli archeologi hanno ancora molto da scoprire a Nuri. Allo stesso tempo, ci mostrano che le tombe possono essere trovate intatte dai loro ladri.

“Questi sacrifici d'oro sono rimasti insediati qui - piccole statuette di vetro erano racchiuse in oro. Dopo che i pezzi di vetro della figurina furono distrutti con acqua, rimasero solo piccoli fiocchi d'oro. Le figure dorate sarebbero facili prede per i ladri, e i loro resti sono un segno che la tomba di Nastasen era sostanzialmente intatta ”.

Questa è una buona notizia per il team archeologico, il che significa che ci saranno più tesori inestimabili da trovare in futuro e che verranno scoperti altri segreti dei faraoni neri egiziani. E a differenza degli archeologi precedenti, hanno una tecnologia contemporanea che consente loro di raggiungere luoghi precedentemente non disponibili.

“Penso che finalmente abbiamo la tecnologia per raccontare la storia di Nuri, aggiungere fatti sconosciuti e parlare di quello che è successo in passato. È una parte straordinaria della storia che è poco conosciuta. È una storia che merita la pubblicazione. ”

Lo è davvero. Reisner scrisse i faraoni neri come razzialmente inferiori e ignorò le loro azioni. Ora, gli archeologi possono davvero ritrarre la loro storia e ripristinare il loro meritato posto nella storia come potenti sovrani dell'Impero egiziano.

Vedi anche archeologia subacquea di National Geographic:

Suggerimento per un libro dall'universo Sueneé

Erdogan Ercivan: Brevetti faraone

Almeno 5000 anni fa, gli antichi sacerdoti egiziani avevano un livello di informazioni sul micromondo tale da poter essere ottenuti solo al microscopio. Quando James Watt costruì un motore a vapore in 1712, non aveva idea che gli antichi studiosi egiziani lo avessero superato per almeno 2 000 anni. Allo stesso modo, si tratta di una macchina a raggi X, radiazioni radioattive o conoscenza della velocità della luce e della teoria della relatività. L'antico sogno umano di volare si è realizzato anche nell'antico Egitto, anche prima di 3 000 anni fa, quando la gente lì conosceva i palloncini e gli alianti. La scoperta di luce elettrica, aerei a motore, satelliti e veicoli spaziali, oltre a rivelare i segreti dei gruppi sanguigni, è avvenuta anche nell'antico Egitto, quindi la conoscenza del livello scientifico e tecnico dei faraoni dovrà essere radicalmente riscritta, compresa la conoscenza precedente di astronomia, biologia. , chimica, geografia e matematica.

Brevetti del faraone - dopo aver fatto clic sull'immagine verrai reindirizzato a Eshop Sueneé

Articoli simili

Lascia un Commento