Edgar Cayce: The Spiritual Way (3.): Dio vive - È attivo e ricettivo

7125x 16. 01. 2017 1 Reader

Home

Vi do il benvenuto nella terza parte della serie sui principi di felicità dalle spiegazioni dell'Esposo Profeta Edgar Cayce. Grazie mille a tutti coloro che hanno condiviso l'esperienza del lavoro passato. Sembrava incredibile risposte 20 ...! Ho scritto tutti i nomi su foglietti di carta e disegnai del mattino una persona che riceve la terapia craniosacrale biodinamica zdarma.Jedná su Mr. Andrew.

Questo è ciò che voglio invitare altri che sono titubanti se qualcuno lo legge e non è necessario: Mio caro, non è inutile. Solo per l'atto di scrivere chiarirai tante cose nella tua testache non sai nemmeno ... e forse troverai l'amore per la scrittura oltre a me :). Quindi, audacemente, alla fine dell'articolo di oggi, la formazione e la forma sono di nuovo pronti per te.

Principio No.3: Dio vive - è attivo e ricettivo
Devo ammettere che sono il titolo del capitolo Dio è attivo e ricettivo non mi sembra buono per le mie orecchie E sono rimasto un po 'sorpreso. filosofia Edgar Cayce non è basato sulla doppia percezione di Dio. Alla fine, ho trovato nelle linee quello che stavo cercando. Sono pieno. Quindi scriverò e tu puoi leggere.

"Dio è morto!"
"Dio è morto!", Friedrich Nietzsche ha detto alla fine di 19. secolo. La sua affermazione portò poi alla creazione di un nuovo movimento guidato da scrittori, artisti e filosofi che si definivano esistenzialisti. Dal loro punto di vista, non c'è forza, a parte i nostri sforzi individuali, di aiutarci. Se qualche dio esisteva, è morto da tempo.

Da qualche parte dentro sentiamo che è diverso. Guardati intorno e vedi che Dio vive, le rocce esistono, le stelle esistono, sono in noi. Quando osserviamo il tramonto, il cielo è pieno di rossiccio, il nostro corpo si riempie strano atmosfera sacra, che zittirà, ammorbidirà, si unirà alla nostra essenza. Questo è per Edgar Cayce Dio. Molte persone credono in Dio in un modo diverso, come in un genitore distante che ha qualche aspettativa. Qualcuno lo percepisce come un potere onnipotente immutabile. Pensiamo alle qualità come creative, vitali, dinamiche, attive, ricettive e compassionevoli. Non sono queste parole che possiamo descrivere noi stessi quando ci sentiamo pieni di vita? Non risponderebbe la stessa descrizione al Dio vivente?

Dio è attivo e ricettivo nelle nostre vite
Con forze percepibili nelle nostre vite, possiamo stabilire una relazione molto personale. Che ne siamo consapevoli o no, una serie di eventi e situazioni possono essere compresi come interventi nelle nostre vite. Le forze creative senza dubbio desiderano mantenere un rapporto intimo con loro. Come possiamo iniziare a costruire un'alleanza così dinamica con Dio? Il primo passo è considerarlo possibile.

Come possiamo dimostrare che Dio è?
Dov'è la prova?

  1. Queste sono le esperienze che vengono come regali. A volte, possiamo vedere i suggerimenti di interventi esterni senza aspettarli. Queste situazioni sono solitamente in mezzo a tremendi problemi. Darò un esempio che è conciso: poco dopo il divorzio ho avuto davvero pochi soldi e ho pagato a malapena l'affitto, a quel tempo vendevo scarpe. Un giorno in cui dovevo pagare l'affitto, mi mancavano cinquecento corone. A volte la signora anziana mi passava accanto per parlare. Entrò nel negozio, mentre lei metteva sempre le borse della spesa, mi guardava negli occhi e diceva: "Non hai soldi. Ne ho un cinque in più. Quando non ne hai bisogno, me lo restituisci. »Posò il biglietto sullo scaffale, prese le borse, sorrise e si allontanò. Era ancora più bello che fosse venuta da lei proprio il giorno in cui si era davvero soffermata su di me. La seconda esperienza è più intelligente: un giorno andai a Palacky Square a Praga e mi afferrai l'unghia, che odio completamente. Sapevo che ho il mio zaino, dove sarà una lima per unghie, ma solo una piccola borsa così ho sospirato: "Se fosse qui adesso da qualche parte sui file" ... ho fatto tre passi davanti a me sulle piastrelle giaceva in una lima per unghie involucro nero polacco. Ho sorriso e ringraziato.
  2. La seconda fonte in grado di fornire la prova della nostra fede, in altre parole, "dare a Dio una possibilità". L'efficacia del farmaco, inoltre, non può dimostrare fino a quando lo si prova. Allo stesso modo, Dio può manifestarsi nelle nostre vite solo dandogli la possibilità di stare con noi, condividendo con noi la nostra gioia, la preoccupazione, dandoci sostegno. Quando lo permettiamo, lo sentiamo.

Una canzone su una bottiglia d'acqua e un messaggio da Peta del deserto
Cosa significa fede nella nostra vita? È come una canzone del trio di Kingston. È una canzone che parla di un pozzo polveroso, una bottiglia d'acqua e una lettera del misterioso "Desert Peta". In questa canzone, un uomo perde la sua strada nel deserto e l'assetata inciampa sulla vecchia pompa. Sta cercando di pompare, ma nessuno. Il cracked seduto sotto l'albero, e con sua sorpresa, trova una bottiglia d'acqua dal pozzo del deserto: questa acqua è destinata a mettere la pompa in funzione. È necessario versare il contenuto della bottiglia nel pozzo e quindi avrete tutta l'acqua che desiderate. Quest'uomo è imbarazzato, gli sarebbe piaciuto bere la bottiglia e placare la sua sete ... alla fine, tuttavia, decide eseguire l'atto di fede. Certo che può trovare l'acqua, berla quanto più può e lasciare la bottiglia piena per un altro viaggiatore.

Allo stesso modo, abbiamo spesso sete. Possiamo dubitare dell'esistenza di una fonte illimitata di sollievo, ma lo troveremo solo quando dare a Dio una possibilità.

Filosofia orientale e Dio
È qui che incontriamo Dio come unità di tutta la creazione. Il creatore è un Dio vivente che vale ogni manifestazione del mondo materiale. La denominazione di questo ovunque è il TAO, che significa "il flusso giusto" della vita. Dio è, allora una forza che cerca armonia ed equilibrio

Delle nostre vite Se noi come individui con connessione creerà uno squilibrio nella nostra vita, il potere di Dio armonizzare sforzeremo di trovare un equilibrio, non perché qualche "coordinatore capo" è arrabbiato le nuvole e gridando "Vergogna!", Ma perché la vita, che è Dio si batte per l'equilibrio, la bellezza e l'armonia.

Ma Dio non si limita ad essere solo un contrappeso alle nostre azioni indesiderate. Il potere creativo ha un piano per ogni parte della sua creazione, compresi noi. Grazie a questo piano, la vita ci porta l'esperienza di cui abbiamo bisogno al momento per essere in grado di dimostrare pienamente il nostro potenziale. "Quando l'alunno è pronto, l'insegnante apparirà". Un insegnante può diventare una persona, un libro, un film o una situazione di vita. L'opportunità di correggere gli squilibri che abbiamo causato dalle nostre azioni è innumerevole. Basta percepire e accettare grazie.

Cvičení

Come sempre offro oggi l'opportunità di usare gli esercizi di Edgar. Chi ha il desiderio e il coraggio di condividere, scrivimi durante la settimana fino a venerdì 20.01.2017 le tue esperienze sul modulo allegato sotto l'articolo. Ancora una volta tutte le lettere sono versate e un lettore riceve un trattamento biodinamico craniosacrale gratis. Non vedo l'ora di scrivere. Inviami suggerimenti o commenti, tutto è il benvenuto dal cuore.

Questo esercizio si concentra sull'espansione della tua percezione per essere consapevole dei sentimenti che la maggior parte di voi sta perdendo.

  • Cerca di vedere il tuo mondo interiore ed esteriore con più attenzione.
  • Sii consapevole di un incontro "casuale" con alcune persone che ti aiuteranno.
  • Sii attento ai tuoi sogni. Durante di essi puoi essere condotto a un certo percorso.
  • Cerca di portare le tue "idee intuitive" nella vita pratica.
  • Cosa inviti? Per essere più creativo o compassionevole nella tua vita? Ognuno scoprirà sulla sua strada l'opportunità di incontrare il sentimento di connessione interiore con Dio, sia attraverso il cuore o l'esperienza appagante.

Edgar Cayce: la via verso te stesso

Più parti dalla serie

Lascia un Commento