Egitto: datazione al radiocarbonio dell'età delle piramidi

25. 11. 2017
4a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

Robert Bauval: Fino alla fine del 1993, si credeva generalmente che non si potessero trovare artefatti o monumenti di alcun tipo nelle Piramidi di Giza che potessero risalire allo stesso periodo della costruzione dei monumenti, e che di conseguenza nessun materiale organico come il legno fosse a disposizione degli scienziati. , ossa umane o fibre tessili che possono essere state utilizzate per datare le piramidi con il metodo del radiocarbonio carbonio C.14 (ulteriore: risalente al C14)

Sappiamo di alcuni manufatti sospetti trovati nelle piramidi di Giza, che, se sopravvissuti, potrebbero essere utilizzati fino ad oggi C14. Abu Szalt, un cronista arabo medievale spagnolo, ad esempio, ha riferito che quando Califfo Ma'amoun entrò per la prima volta nella piramide nel IX secolo e si diresse verso lo spazio nel cosiddetto sala reale, "... Il coperchio è stato aperto con la forza, ma non è stato scoperto nulla tranne alcune ossa che si erano completamente disintegrate con l'età.“[2] Nel 1818, quando Belzoni è entrato nella seconda piramide (cosiddetta Chef), ha trovato diverse ossa all'interno del sarcofago che apparentemente apparteneva a un toro. Anche durante la spedizione Howard Vyse nel 1836-7 furono rinvenute reliquie all'interno della terza piramide (cosiddetta. Menkaureho), costituito da ossa umane e parti del coperchio di una bara di legno. Ma la datazione in C14 ha rivelato che le ossa risalgono all'era paleocristiana e il coperchio è stato determinato per essere del periodo Saite. Spedizione Howard Vyse anche quando si esaminano soggetti esterni piramide centrale scoperto un altro strano artefatto con esplosivi. Una piastra di ferro che misura 26 x 8,8 cm e spessa circa 4 mm. Sebbene il ferro non possa essere datato al C14, la storia della sua scoperta e dei test in termini di possibili enormi indizi che l'età della piramide potrebbe essere stata ricordata.

... Rip ... e così l'archeologia è stata fatta con l'aiuto della violenza, del piccone e della dinamite.
La piastra di ferro non è stata scoperta direttamente Howard Vysemma un ingegnere di nome JR Hill, che era Howad's dipendente. Collina ha trovato una targa incastonata nel giunto sul lato sud del monumento vicino o sotto l'ingresso al cosiddetto Condotto dell'aria. Hill era convinto che la piastra di ferro dovesse essere dello stesso periodo della struttura piramidale, perché doveva strappare i due strati esterni di blocchi per raggiungerla e rimuoverla dal giunto di pietra vicino o all'imboccatura del pozzo sud. La piastra di ferro è stata infine donata al British Museum insieme a una dichiarazione Hilla e anche altri che erano presenti a questa scoperta. Nel 1926, il Dr. A. Lucas ha esaminato la lastra e, sebbene inizialmente fosse d'accordo con il signor Hill sul fatto che fosse dello stesso periodo della piramide, in seguito cambiò idea quando si rese conto che il ferro non era di origine meteoritica. Si presume generalmente che il ferro fosse conosciuto ai tempi delle piramidi e che l'unica possibile fonte di ferro provenisse dai meteoriti ferrosi, che consistono per circa il 95% di ferro e il 5% di nichel [5].

Nel 1989, tuttavia, due metallurgisti, Dott. El Gayar dalla Facoltà di petrolio e minerali di Suez, Egitto e Dott. MP Jones dell'Imperial College di Londra ha chiesto al British Museum un piccolo campione di ferro in modo da poter condurre una ricerca scientifica completa. Dopo El Gayar a Jones eseguito una serie di test chimici e microscopici su una piastra di ferro, questi scienziati hanno concluso che: "La lastra è stata incorporata nella piramide al momento del completamento della struttura", cioè era dal tempo presente con la piramide [6]. Anche le analisi chimiche e microscopiche della piastra di ferro hanno rivelato tracce molto piccole di oro, suggerendo che la piastra fosse apparentemente originariamente dorata. La dimensione effettiva della lastra è stata stimata in 26 x 26 cm, che è all'incirca la stessa dimensione del colmo del pozzo, il che a sua volta suggerisce che la lastra potrebbe essere servita da copertura o cancello per il pozzo. El Gayar a Jones hanno anche sottolineato che la dimensione della piastra di 26 x 26 cm indicava che era misurata al gomito reale, una misura usata dai costruttori delle piramidi (metà del gomito reale 52,37 cm è 26,18 cm).

Come già accennato, la targa non poteva essere datata C14 perché non conteneva materiale organico. Nonostante i risultati Gayera a JoneseIl British Museum crede ancora che la piastra di ferro fosse probabilmente una pala rotta usata dagli arabi nel Medioevo.

Reliquie di Dixon

Impugnatura con gancio a sfera (righello)

Impugnatura con gancio a sfera (righello)

Nel settembre 1872 era un ingegnere britannico Waynman Dixon, lavorando in Egitto, ha chiesto Piazzi Smythem, un astronomo reale scozzese, per eseguire per lui alcune indagini all'interno delle Piramidi di Giza. [7] In quel periodo, Dixon scoprì le aperture di due pozzi sulle pareti sud e nord del cosiddetto La camera della regina. Nella parte orizzontale dei pozzi che portano alla camera, Dixon ha trovato tre piccole reliquie: un piccolo gancio in bronzo, parte di un legno di "cedro" e una palla di granito. [8] Le reliquie furono imballate in una scatola di sigari di legno e trasportate in Inghilterra John Dixon, Waynman fratello maggiore, anche lui ingegnere. Sono stati inviati Piazza Smythche li ha registrati in un diario, poi è tornato a John Dixon, che alla fine ha organizzato la pubblicazione di articoli e disegni di reliquie in rivista scientifica Nature e nel popolare quotidiano londinese Il grafico. [9] Reliquie di Dixon poi sono misteriosamente scomparsi. Sorprendentemente, sebbene la scoperta del pozzo abbia chiamato. La camera della regina Waynman Dixon è stato ancora annunciato Flindersem Petriem nel 1881 e Dott. IES Edwards nel 1946 e per diversi anni da altri specialisti delle piramidi, Reliquie di Dixon non furono mai più menzionati e la loro esistenza fu chiaramente dimenticata. L'unica persona, se posso scrivere in questo modo, che ha menzionato queste reliquie dopo che furono pubblicate nel dicembre 1872 su Nature e The Graphic era un astronomo. Piazzi Smyth. (vedi sotto)

William Flinders Petrie: un egittologo controverso

Ecco cosa è realmente accaduto alle reliquie dopo Dicembre 1872: esattamente cento anni dopo, nel 1972, una certa signora Elisabetta Porteous, residente a Hounslow vicino a Londra, è stato allertato (probabilmente a causa del tumulto Le mostre di Tutankhamon all'epoca) che il suo bisnonno John Dixon ha lasciato alla famiglia una scatola di sigari in cui sono state trovate le reliquie La Grande Piramide, che ha ereditato nel 1970 dopo la morte del padre. Gentiluomini portentoso poi ha portato le reliquie, ancora nella scatola originale, dentro Museo britannico. Sono stati registrati dal Sig. Ianem Shore, poi assistente Dr. IES Edwards, curatore del dipartimento Antiquariato egiziano. Tuttavia, probabilmente a causa del trambusto causato dalla mostra Tutankhamon, erano Le reliquie di Dixon stabilito e dimenticato.

Nel settembre 1993, quando mi sono imbattuto in un commento Piazzi Smytha In uno dei suoi libri [11], ho deciso di scoprire dove Le reliquie di Dixon loro trovano. ho contattato Dott. IES Edwards (poi ritirato da Oxford) e anche Dott. Carola Andrewse a Dott. AJ Spencer z Museo britannico, ma nessuno di loro sembrava aver sentito parlare di queste reliquie. Finalmente con l'aiuto Dott. Mary Bruck, biografo Piazzi Smytha[12] Ho rintracciato un diario personale Piazzi SmythaOsservatorio di Ediburgh e ho trovato il suo record di reliquie da 26 novembre 1872, così come le lettere private da lui ricevute John Dixon al tempo. Attraverso questi documenti, ho poi trovato articoli pubblicati in Natura a Il grafico.

Mentre stavo ancora cercando quelle reliquie, mi sono ricordato che lo era John Dixon, che nel 1872-6 organizzò il trasporto dell'obelisco di Thotmose III. (L'ago di Cleopatra) sul lungomare Victoria a Londra e, cosa più importante, che aveva sotto il suo piedistallo John Dixon conservare cerimoniosamente vari monumenti, tra cui scatole di sigari! Naturalmente, molti di noi hanno iniziato a sospettare che potesse essere la stessa scatola di sigari che conteneva antiche reliquie trovate nel cosiddetto albero. La camera della regina ve La Grande Piramide. Fortunatamente, non è stato così.

Gancio e palla

Gancio e palla

In quella fase della ricerca, ho deciso di pubblicare un articolo su un quotidiano britannico The Independent[13] nella speranza che qualcuno possa ricordare dov'era Le reliquie di Dixon. Questa tattica ha funzionato. Ian Shore, che registrò le reliquie nel 1972 al British Museum, lesse l'articolo e si ricordò che erano state donate alla Sig. portentoso. Ha informato immediatamente Dott. Edwardsa chi si è rivolto Dott. Vivian Davies, curatore di antichità egizie al Bristol Museum. La ricerca è iniziata e le reliquie sono state riscoperta al British Museum di la seconda settimana del dicembre 1993[14]. Sfortunatamente, mancava un piccolo pezzo di legno di cedro, e quindi era impossibile datare C14. Le reliquie sono ora esposte nella sezione egizia del British Museum.

Lo ricorderemo tutti nel marzo 1993, un ingegnere tedesco Rudolf Gantenbrink esaminato i pozzi chiamati La camera della regina nella Grande Piramide utilizzando un robot in miniatura dotato di una videocamera. Fu sorpreso di scoprire che il pozzo settentrionale era stato esaminato (probabilmente da Dixon) con un'asta di metallo (assemblata in sezioni di metallo), i cui resti erano ancora visibili nel pozzo.

La barra di metallo è stata spinta a circa 24 metri di profondità nel pozzo fino a raggiungere un punto in cui il pozzo girava bruscamente verso ovest e formava un angolo quasi rettangolare. Anche in questo angolo si poteva vedere quello che sembrava essere un lungo pezzo di legno, la cui forma e aspetto generale sembravano essere gli stessi del pezzo più corto che aveva trovato La squadra di Dixon nel 1872 in fondo a questo pozzo.

Zahi Hawass non è più ufficialmente direttore generale dei monumenti egiziani. Tuttavia, la sua influenza dietro le quinte è chiaramente ancora considerevole.
Sembra quasi certo che questo pezzo di legno più lungo (se è legno) sia dello stesso periodo della struttura Grandi piramidi. Quindi, questo è un campione ideale in cui C14 potrebbe essere datato per fornire un tempo di costruzione della piramide accurato. Finora, tuttavia, questo bastoncino di legno non è stato ottenuto. Dott. Zahi Hawass, il direttore generale dei monumenti di Giza, ne impedisce la rimozione, nonostante le numerose richieste Rudolf Gantenbrink e altri per riesaminare gli alberi del cosiddetto La camera della regina.

Dott. Zahi Hawass: Intrighi sullo sfondo dell'egittologia (Parte 1)

Reliquie di Cole
Nel 1946 era un chimico britannico Herbert Cole, che era di stanza con le forze armate britanniche in Egitto, chiamato a garantire fumigazione la seconda piramide di Giza, chiusa durante la guerra. Ravizzone costruì la sua attrezzatura nella Piramide in modo che le gambe di molti ventilatori di estrazione fossero fissate ai giunti aperti dei blocchi di calcare originali. Mentre lo faceva, notò che diversi erano rimasti bloccati all'interno di una delle articolazioni pezzi di legno a ossa delle dita[15]. Ravizzone portò quelle reliquie in Inghilterra, dove rimasero nella sua casa nel Buckinghamshire fino alla sua morte nel 1993. Pochi anni dopo, suo figlio, Mr. Michael Colechi legge Reliquie di Dixon nel mio libro, ha deciso di contattarmi e mi ha inviato il 5 ottobre 1998 dito un kus legna. Ho appreso da lui che suo padre era il direttore tecnico della London Fumigation Company prima della guerra, ed è tornato in questa posizione dopo la guerra. Nel 1946 lo era Herbert Cole situato ad Alessandria, dove era responsabile della fumigazione delle navi di rifornimento delle navi britanniche. Alla fine del 1945 o all'inizio del 1946 lo era Herbert Cole ha chiesto di garantire la fumigazione della piramide centrale. Secondo suo figlio Michael:

La fumigazione è stata eseguita utilizzando acido cianidrico pressurizzato per garantire l'accesso a tutte le fessure, ecc. Sono state installate unità di aspirazione ... Durante l'installazione di queste unità, che ha comportato l'inserimento di supporti in alcune delle fessure tra i blocchi della piramide, pezzo di legno a dove sono le ossa, che è stato identificato come parte del dito, sono stati estratti dai due blocchi. Il legno cadde immediatamente in quattro pezzi, tre dei quali tenuti da mio padre. Attacco l'osso e il pezzo centrale a questa lettera. Mio padre ha affermato che questi sono stati trovati in una posizione che potrebbe essere identica alla costruzione della piramide. La sua teoria è che l'osso facesse parte della mano di un operaio che era intrappolato tra i blocchi quando sono stati posizionati.

La prima cosa che ho fatto è stata una visita Michaela Coleper guardare i pezzi di legno rimanenti. Michael Cole poi mi ha assegnato dito a un pezzo di legnoche mi ha mandato in precedenza, a condizione che cercherò di provarli in C14. Pochi giorni dopo, ho portato i luoghi al British Museum e li ho mostrati al medico Vivian Daviesper vedere se poteva organizzare test C14. Medico Davies mi ha suggerito di portarli a Dott. Hawass in Egitto.

L'età dei materiali che utilizzano la datazione C14 viene calcolata, tra le altre cose, per confronto con un campione di riferimento di cui si conosce l'ora di origine. Cerchiamo materiale di qualità simili, località simili, anche se potrebbe essere di un'altra epoca.
Alla fine di ottobre 1988, sono volato in Egitto per mostrare le reliquie Dott. Hawass. Dato che stavo girando un documentario in TV, questo evento è stato registrato dalle telecamere. [16] Dott. Hawass ha espresso dubbi sull'origine delle reliquie e anche sui risultati della datazione al C14. Non vedeva quindi alcun motivo per testare le reliquie. Ecco perché ho riportato le reliquie in Inghilterra. Poi un collega a Madrid, autore Javier Sierra, ha suggerito di portare le reliquie a uno scienziato che conosceva, Dott. Fernan AlonsLaboratori geocronologici. Il dottor Alonso ha gentilmente offerto il suo aiuto. Grazie a lui come finanziamento dell'azienda del signor Sierra, erano alla fine Reliquie di Cole inviato al laboratorio National Science FoundationArizona, STATI UNITI D'AMERICA, per testare C14. [17] Ci è voluto più di un anno per ottenere i risultati. Prima sono arrivati ​​i risultati pezzo di legno (designato A-38549), datato 2215 ± 55 a.C., successivamente calibrato dal 395 a.C. al 157 a.C. con una probabilità del 95%. Questi risultati sono interessanti solo se sollevano domande su quando iniziare ancora entrato nella piramide centrale dopo essere stato bloccato da lei vero costruttori.

Erodotoche visitarono Giza nel V secolo aC apparentemente non vedevano ingressi a questa piramide. [5] Ha riferito lo stesso Diodoro Siculo (I secolo a.C.) a Plinio il Vecchio (I secolo d.C.) [1]. Pertanto, si presumeva che da piramide centrale fu penetrato per la prima volta in tempi antichi, probabilmente nel primo periodo medio, e così i suoi ingressi furono alla fine oscurati e dimenticati. [20] Tuttavia, la piramide potrebbe ancora essere chiusa quando Erodoto ha visitato Giza nel 450 aC? E se è così, potrebbe essere aperto per la prima volta e saccheggiatoTempi di Tolomeo? Tuttavia, perché gli input non sono stati visti Diodor nel 60 aC?

Piramide centrale

Tuttavia, è noto con certezza che sono entrati per la prima volta nella piramide centrale Arabi, forse nel XIII secolo attraverso un tunnel scolpito che fu scavato sul lato nord del monumento sopra l'originario ingresso superiore. [13] Non ci sono registrazioni di questo evento, ad eccezione dei graffiti grezzi trovati sui muri di entrambe le camere.

Gli ingressi sono stati stranamente dimenticati o nuovamente coperti, forse dallo scoppio dei blocchi di rivestimento, che ha provocato un grande terremoto che ha colpito la regione del Cairo nel XIII secolo d.C. Tunnel arabo e ritrovati i due ingressi originali Belzoni nel 1818, che ha cancellato solo l'ingresso originale superiore in modo che potesse entrare nella piramide. Successivamente, nel 1837, Howard Vyse pulito l'ingresso originale inferiore.

È interessante notare che ha trovato il risultato del test C14 per l'osso del dito Herbert Cole (designato A-38550), fornisce la data 128 ± 36 aC (senza calibrazione comparativa) e, dopo la calibrazione, la imposta tra il 1837 e il 1909 circa del nostro tempo. La data inferiore del 1837 è interessante perché cade esattamente in quel momento Howard Vyse Si è fatto strada in questa piramide usando esplosivi, quindi c'è una forte possibilità che dito viene dalla mano di uno dei suoi sfortunati lavoratori arabi.

Ulteriori indagini
Date le infinite discussioni sull'età e lo scopo esatti delle piramidi di Giza, così come la storia poco chiara e incerta di quando e come furono per la prima volta distrutte e saccheggiate, reliquie antiche o moderne come descritte sopra possono fornirci molte informazioni, non da ultimo attraverso la datazione. C14, ma anche utilizzando altre tecniche scientifiche, come l'analisi del DNA e nuovi metodi forensi all'avanguardia.

Ancora più importante è che nel pozzo settentrionale fino ad allora inesplorato, il cosiddetto La camera della regina La Grande Piramide rimane molte cose, come abbiamo visto: bastoncino di legnoche fu quasi certamente lasciato lì dai costruttori originali. [22] E, naturalmente, ancora più interessante sarebbe l'apertura del cosiddetto porta alla fine del pozzo meridionale, scoperti nel 1993 da Rudolf Gantenbrink [23]. Questo la porta, che sono fatti di pietra calcarea altamente levigata, ha incorporato due piccoli pezzi di bronzo o rame, la cui struttura bronzo strumenti che ha trovato Dixon nel 1872 in fondo a questo pozzo.

Quello che c'è dietro è la questione dei 64 dollari di archeologia piramidale.

[Hr]

Suenee: Oggi sappiamo già che dietro la prima porta c'è uno spazio più piccolo e un'altra porta. Le foto sono state scattate da questo spazio utilizzando una piccola fotocamera.

Note di Robert Bauval

Edgar Cayce deve aver avuto intenzioni amichevoli. Grazie alle sue intuizioni, ha aiutato molte persone. Tuttavia, la fondazione con lo stesso nome ha una reputazione alquanto problematica di persone che vogliono investire nella ricerca della Verità, ma allo stesso tempo fanno notevoli sforzi per mantenere riservate le informazioni trovate. Altro nella serie Zahi Hawass: intrighi sullo sfondo dell'egittologia
[1] Si trattava infatti della datazione del materiale organico C14 rinvenuto nei giunti di malta dei blocchi esterni delle piramidi, avvenuta in due occasioni. Il primo è stato finanziato nel 1984 Fondazione Edgar Cayce e testato Dott. Herbert Hassem na Università metodista meridionale e anche Eidgennossische Technical University laboratorio a Zurigo Dott. Wiliem Wolfim. Il secondo è stato nel 1995, finanziato da un imprenditore David H. Koch (vedere "Incontri con le piramidi" in archeologia, St. 52, n. 5, settembre / ottobre 1999).

[2] Citato Mark Lehner in Complete Pyramid, Thames & Hudson 1997, p. 41

[3] Ibid. pagina 124. Rainer Stadelmann ritiene che queste ossa siano state inserite nel sarcofago come un "dono osiriano" molto tempo dopo la rottura della piramide. Per quanto ne so, C14 non è stato datato in queste ossa per testare questa ipotesi.

[4] IES Edwards, Le piramidi d'Egitto, 1993 ed. p. 143. Il coperchio in legno si trova al British Museum.

[5]   A. Lucas, Materiali e industrie dell'antico Egitto, HMM London 1989, p. 237

[6] El Sayed El Gayar a MP Jones indagine metallurgica di una lastra di ferro trovata nel 1837 nella Grande Piramide di Giza, in Egitto, nel giornale della Historical Metalurgy Society, vol. 23, 1989, pagg. 75-83.

[7]   C. Piazzi Smyth, Our Inheritance in the Great Pyramid, 4a edizione, pp. 427-9. Collaborazione molto stretta e amichevole tra due fratelli Dixon e Smythem è visibile nella vasta corrispondenza tra di loro, la maggior parte dei quali erano conservati nella biblioteca d'archivio Osservatorio astronomico di Edimburgo. Vedi anche l'epilogo The Orion Mystery (Heinemann 1994), dove è riprodotta parte di questa corrispondenza.

[8]   Piazzi Smyth op.cit. p. 429. Conferma che "legno di cedro" e una palla di granito sono stati trovati nel pozzo nord e viene fornito un "gancio di bronzo" nel pozzo sud John Dixon in un'intervista rilasciata al sig HW Chrisholm, Warden of the Standards, che riportò la sua testimonianza in un articolo su NATURE il 26 dicembre 1872. Tuttavia, in una lettera privata Piazza Smyth, datato 23 novembre 1872, dopo aver descritto i pozzi nel cosiddetto camera reale, Dixon ha scritto: "Abbiamo trovato questi strumenti qui, nel pozzo nord." Mentre il John Dixon descritto gancio in bronzo altrove come qualche strumento, non vi è dubbio su quale dei pozzi sia stato trovato. John Dixon non assistette all'apertura dei pozzi e al ritrovamento di reliquie scoperte dal fratello minore Waynman nel settembre 1872. Sfortunatamente, un rapporto dettagliato, apparentemente presentato da Waynman alla fine del 1872 Piazza Smyth, era perso.

[9] NATURE, 26 dicembre 1872, pp. 146-9. GRAPHICS, 7 dicembre 1872, pp.530 e 545.

[10] Guarda dentro The Independent 6 dicembre 1993, p. IES Edwards è stato citato come segue: "L'esistenza delle reliquie è stata dimenticata. Sono una novità assoluta per me. Non ho mai incontrato nessuno che abbia mai sentito parlare di queste cose ". Questo fatto mi è stato confermato da vari dipendenti del British Museum durante una presentazione speciale Rudolf Gantenbrink presso BM il 22 novembre 1993 (anche via fax da me alla dott.ssa Carol Andrews del 24 ottobre 1993). La ricerca delle reliquie è iniziata in collaborazione con Dott. IES Edwardsem, Dr. MT Bruck da Edimburgo e Dott. Carol Andrews a Dott. Spencer dal British Museum. Le reliquie furono finalmente rintracciate nel dicembre 1993.

[11] Robert Bauval & Adrian Gilbert, Il mistero di Orione, William Heinemann 1993, epilogo.

[12] Mary T. Bruck a Hermann Bruck, The Peripatetic Astronomer, Adam Hilger, Bristol 1988. Mi piace Piazzi Smyth era di fronte a lui Hermann Bruck negli anni 'XNUMX egli stesso era un astronomo reale.

[13] The Independent, 6 dicembre 1993.

[14] The Independent, 15 dicembre 1993, lettera di V. Davide. Vedi anche Ibid. Lettera del 29 dicembre 1993 R. Bauvala. Anche ibid. 11 gennaio 1994, lettera della Sig. E. Porteous.

[15] L'osso proviene dal pollice della mano sinistra.

[16] M-Net TV dal Sud Africa, produttore e regista D. Lucas.

[17] I resti furono testati dal Dr. Mitzi De Martino presso AMS Facility, Arizona University, Department of Physics.

[18] Erodoto, Storia, Libro II, 127

[19] L. Cottrell, The Mountains of Pharaoh, Book Club Assoc. Londra 1975, p.116.

[20] M. Lehner, The Complete Pyramids, Thames & Hudson 1997, pagg.124.

[21] Ibidem. Str. 49.

[22] Dubbi sull'origine di questo legno furono sollevati dal Dr. Hawassem, il quale affermò che avrebbe potuto trovarsi lì in tempi moderni solo dopo l'apertura del pozzo Wayman Dixon nel 1872. Tuttavia, questo è improbabile. Questo legno ha una lunghezza di circa 80 cm e una sezione trasversale rettangolare di circa 1,25 x 1,25 cm. Si trova di fronte al piccolo muro sud lunghezze d'angolo pozzo nord (circa 24 metri più in alto, dove l'albero ruota bruscamente verso ovest, facendo così piccola lunghezza dell'angolo e sporge di circa 30 cm nell'albero principale, la sua estremità è chiaramente spezzata. Questa posizione rende impossibile che si trovi lì nei tempi moderni. Ci sono anche piccoli pezzi di calcare sulla parte superiore del legno, che sono, ovviamente, schegge cadute sul muratore durante la costruzione. Anche una misteriosa somiglianza con la forma di questo legno con un pezzo lungo 12 cm trovato da Dixon nella parte inferiore del pozzo nord, che ha anche una croce rettangolare di 1,25 x 1,1 cm, che era contrassegnata come parte della lunghezza di misurazione) è quasi certo che entrambi i pezzi appartengano alla stessa canna. La conferma assoluta di questo fatto può essere ottenuta solo estraendo questo pezzo dal pozzo nord e datando C14. Questo può essere fatto con noi determinare anche l'età esatta della Grande Piramide.

[23] Guarda R. Stadelmann, I condotti d'aria originali del corridoio modello Cheopspyramide per l'ascesa del Re del Cielo, in MDAIK Band 50, 1994, pp. 285-295.

Articoli simili