Storia della Grande Depressione

10. 06. 2021
4a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

La Grande Depressione (a volte chiamata anche Grande Depressione), iniziata con il crollo del mercato azionario del 1929 e durata fino al 1939, fu la peggiore recessione economica nella storia del mondo industrializzato.

La Grande Depressione fu la peggiore crisi economica nella storia del mondo industrializzato, che durò dal 1929 al 1939. Cominciò dopo il crollo del mercato azionario nell'ottobre 1929, che causò il panico a Wall Street e distrusse milioni di investitori. Negli anni successivi, i consumi e gli investimenti sono diminuiti, causando un forte calo della produzione industriale e dell'occupazione, poiché le aziende in fallimento hanno licenziato i dipendenti. Nel 1933, quando la Grande Depressione raggiunse il culmine, circa 15 milioni di americani erano disoccupati e quasi la metà delle banche del paese fallì.

Cosa ha causato la Grande Depressione?

Durante gli anni '20, l'economia americana crebbe rapidamente e la ricchezza nazionale totale raddoppiò tra il 20 e il 1920. Questo periodo è stato soprannominato "Happy Twenties". Il mercato azionario, concentrato sulla Borsa di Wall Street a New York, è stato teatro di innumerevoli speculazioni, dove tutti, dai magnati milionari agli chef e ai bidelli, hanno riversato i propri risparmi in azioni. Di conseguenza, il mercato azionario si espanse rapidamente e raggiunse il suo picco nell'agosto 1929.

A quel tempo, la produzione era già in calo e la disoccupazione stava aumentando, quindi i prezzi delle azioni erano molto più alti del loro vero valore. Inoltre, i salari erano bassi all'epoca, il debito dei consumatori era in aumento, il settore agricolo dell'economia stava affrontando problemi a causa della siccità e del calo dei prezzi dei prodotti alimentari e le banche avevano un'eccedenza di ingenti prestiti che non potevano essere rimborsati. Nell'estate del 1929, l'economia statunitense entrò in una lieve recessione poiché la spesa per consumi rallentò e le merci invendute iniziarono ad accumularsi, il che a sua volta rallentò la produzione industriale. Tuttavia, i corsi azionari hanno continuato a salire e hanno raggiunto un livello stratosferico nell'autunno dello stesso anno, che non poteva essere sostenuto dai rendimenti futuri attesi.

Il crollo della borsa nel 1929

Il 24 ottobre 1929, quando gli investitori nervosi iniziarono a vendere in massa azioni troppo care, il temuto mercato azionario alla fine crollò. Questo giorno, quando sono state scambiate un record di 12,9 milioni di azioni, è noto come "Giovedì nero". Cinque giorni dopo, il 29 ottobre o il martedì nero, circa 16 milioni di azioni sono state scambiate dopo che un'altra ondata di panico ha colpito Wall Street. Milioni di azioni sono diventate prive di valore e gli investitori che hanno acquistato azioni "a margine" sono stati completamente distrutti.

Poiché la fiducia dei consumatori è diminuita a causa del crollo del mercato azionario, il successivo calo delle spese e degli investimenti ha portato le fabbriche e altre imprese a rallentare la produzione e ad iniziare a licenziare i propri dipendenti. Per coloro che hanno avuto la fortuna di mantenere un impiego, i salari sono diminuiti, e così anche il potere d'acquisto. Molti americani che sono stati costretti ad acquistare a credito si sono indebitati e il numero di pignoramenti ha continuato ad aumentare. L'adesione globale al gold standard, che collegava i paesi di tutto il mondo attraverso un tasso di cambio fisso, ha contribuito a diffondere i problemi economici degli Stati Uniti in tutto il mondo, in particolare in Europa.

Attacco alle banche e politica del presidente Hoover

Nonostante le assicurazioni del presidente Herbert Hoover e di altri alti funzionari che la crisi si sarebbe risolta in modo naturale, la situazione ha continuato a deteriorarsi nei tre anni successivi. Nel 1930, 4 milioni di americani cercavano lavoro senza successo; questo numero salì a 1931 milioni nel 6.

La produzione industriale del Paese, nel frattempo, si è dimezzata. La povertà, gli enti di beneficenza per il cibo e un numero crescente di senzatetto sono diventati sempre più comuni nelle città americane. Gli agricoltori non potevano permettersi di raccogliere i loro raccolti e furono costretti a marcire nei campi mentre le persone morivano di fame altrove. Nel 1930, forti tempeste di polvere arrivarono dal Texas al Nebraska, causate dalla siccità nelle pianure meridionali. Questo disastro naturale ha ucciso persone, bestiame e raccolto distrutto. Il cosidetto La "ciotola della polvere" provocò migrazioni di massa dalle aree agricole alle città dove le persone cercavano lavoro.

Nell'autunno del 1930 iniziò la prima delle quattro ondate di panico bancario, quando un gran numero di investitori perse fiducia nella solvibilità delle loro banche e chiesero pagamenti di depositi in contanti, costringendo le banche a liquidare prestiti per ricostituire le loro riserve di liquidità insufficienti. Raid alle banche colpirono di nuovo gli Stati Uniti nella primavera e nell'autunno del 1931, nell'autunno del 1932. All'inizio del 1933, migliaia di banche successivamente chiusero. Di fronte a questa situazione disperata, l'amministrazione Hoover ha cercato di sostenere banche e altre istituzioni in dissesto con prestiti governativi; l'idea era che le banche prestassero di nuovo alle aziende che potevano riprendere i propri dipendenti.

L'elezione di Roosevelt

Originariamente il Segretario al Commercio degli Stati Uniti, Republican Hoover, riteneva che il governo non dovesse intervenire direttamente nell'economia e che non fosse responsabile della creazione di posti di lavoro o del sostegno economico ai propri cittadini. Nel 1932, quando il paese stava annegando nelle profondità della Grande Depressione e circa 15 milioni di persone (più del 20% della popolazione americana all'epoca) erano disoccupate, il democratico Franklin D. Roosevelt ottenne una vittoria schiacciante alle elezioni presidenziali.

Il giorno dell'inaugurazione (4 marzo 1933), tutti gli stati degli Stati Uniti ordinarono a tutte le banche rimanenti di chiudere il panico bancario alla fine della quarta ondata e il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti non aveva abbastanza denaro per pagare i dipendenti del governo. Tuttavia, il presidente Roosevelt ha inviato un'energia rassicurante e ottimismo alla gente e ha dichiarato notoriamente che "l'unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa".

Roosevelt ha preso provvedimenti immediati per affrontare le difficoltà economiche del paese. Per prima cosa dichiarò un "giorno festivo" di quattro giorni, durante il quale tutte le banche avrebbero chiuso in modo che il Congresso potesse approvare la legislazione di riforma e riaprire solo le banche considerate sane. Iniziò anche a rivolgersi al pubblico direttamente alla radio in una serie di apparizioni, e queste cosiddette "chiacchiere davanti al caminetto" iniziarono una lunga strada per ripristinare la fiducia del pubblico. Durante i primi 100 giorni di mandato di Roosevelt, la sua amministrazione approvò una legislazione volta a stabilizzare la produzione industriale e agricola, creare posti di lavoro e stimolare la ripresa economica.

Inoltre, Roosevelt ha cercato di riformare il sistema finanziario. Ha formato la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) per proteggere i conti dei depositanti e la Securities and Exchange Commission (SEC) per regolamentare il mercato azionario e prevenire abusi simili che hanno portato al crollo del mercato azionario del 1929.

New Deal: la strada per la guarigione

Gli strumenti e le istituzioni del New Deal per aiutare a riprendersi dalla Grande Depressione includevano la Tennessee Valley Authority (TVA), che era responsabile della costruzione di dighe ed energia idroelettrica per controllare le inondazioni e fornire elettricità alla regione impoverita della Tennessee Valley, e la Works Progress Administration (WPA) per la creazione di posti di lavoro a tempo indeterminato, che ha portato all'occupazione di 1935 milioni di persone tra il 1943 e il 8,5.

Quando iniziò la Grande Depressione, gli Stati Uniti erano l'unico paese industrializzato al mondo senza alcuna forma di assicurazione contro la disoccupazione o di sicurezza sociale. Nel 1935, il Congresso approvò il Social Security Act, che per la prima volta garantiva gli americani in caso di disoccupazione, disabilità o pensione. Dopo che i primi segnali di ripresa cominciarono a manifestarsi nella primavera del 1933, l'economia continuò a crescere per altri tre anni, durante i quali il PIL reale (corretto per l'inflazione) crebbe in media del 9% annuo.

Nel 1937 l'economia fu colpita da una grave recessione, in parte dovuta alla decisione della Federal Reserve di aumentare i requisiti di riserva finanziaria. Sebbene la situazione economica riprese a migliorare nel 1938, questa seconda forte contrazione invertì lo sviluppo positivo della produzione e della crescita dell'occupazione, prolungando così gli effetti della Grande Depressione fino alla fine del decennio. Le difficoltà della Depressione hanno stimolato l'ascesa di movimenti politici estremisti in vari paesi europei. Il più importante di questi fu il regime nazista di Adolf Hitler in Germania. L'aggressione tedesca portò allo scoppio della guerra in Europa nel 1939 e la WPA rivolse la sua attenzione al rafforzamento dell'infrastruttura militare degli Stati Uniti, pur mantenendo la neutralità.

Afroamericani in una grave crisi economica

Un quinto di tutti gli americani che hanno ricevuto aiuti federali durante la Grande Depressione erano neri e abitavano principalmente nelle campagne meridionali. Ma il lavoro agricolo e domestico, i due principali settori in cui lavoravano i neri, non erano coperti dal Social Security Act del 1935, il che significava che non c'era una rete di sicurezza per loro in tempi di incertezza. Invece di licenziare i lavoratori domestici, i datori di lavoro privati ​​potrebbero semplicemente pagarli meno senza conseguenze legali. E i programmi di sostegno ai quali i neri facevano almeno una richiesta scritta erano, in pratica, pieni di discriminazioni, in quanto la loro attuazione era affidata agli enti locali.

Nonostante questi ostacoli, il "gabinetto nero" di Roosevelt, guidato da Mary McLeod Bethune, prevedeva che quasi ogni affiliato del New Deal avesse un consigliere nero. Il numero di afroamericani che lavorano nel governo è triplicato.

Donne in grande crisi economica

C'era un gruppo della popolazione la cui occupazione crebbe effettivamente durante la Grande Depressione: le donne. Dal 1930 al 1940, il numero di donne occupate negli Stati Uniti è aumentato da 10,5 milioni a 13 milioni, ovvero il 24%. Sebbene il numero delle donne lavoratrici sia in costante aumento da decenni, i problemi finanziari causati dalla crisi economica hanno portato le donne a cercare un impiego in numero crescente poiché gli uomini, capifamiglia, perdono il lavoro. Il calo del 22% dei matrimoni tra il 1929 e il 1939 provocò un aumento del numero di donne single che cercavano anche un lavoro.

Durante la Grande Depressione, le donne avevano un forte sostenitore nella persona della First Lady Eleanor Roosevelt, che fece pressioni sul marito per aumentare il numero di donne in posizioni importanti, come il Segretario del Lavoro Frances Perkins, la prima donna a ricoprire una carica.

I lavori disponibili per le donne sono stati pagati meno, ma più stabili durante la crisi bancaria: infermieristica, istruzione o lavoro domestico. Queste posizioni furono rapidamente sostituite da posizioni di ufficio nel governo di Roosevelt. Ma c'era un problema: oltre il 25% delle tabelle salariali della National Reconstruction Administration fissava salari più bassi per le donne e i posti di lavoro creati sotto la WPA limitavano le donne a settori come la sartoria e l'assistenza infermieristica, che erano pagati meno delle posizioni riservate più agli uomini.

Le donne sposate hanno dovuto affrontare anche altri ostacoli: nel 1940, 26 stati avevano imposto restrizioni al loro impiego, note come "barriere coniugali", perché le mogli che lavoravano erano percepite come persone che sottraevano lavoro agli uomini che lavoravano - anche se in pratica ricoprivano posizioni in cui gli uomini lo facevano non vogliono lavorare, e li ha fatti per salari molto più bassi.

Finisce la Grande Depressione e inizia la Seconda Guerra Mondiale

Con la decisione di Roosevelt di sostenere Gran Bretagna e Francia nella lotta contro la Germania e le potenze alleate dell'Asse, l'industria degli armamenti decollò, creando sempre più posti di lavoro nel settore privato. L'attacco giapponese a Pearl Harbor nel dicembre 1941 portò all'entrata dell'America nella seconda guerra mondiale e le fabbriche nazionali tornarono alla piena produzione.

Questa produzione industriale in espansione, così come l'aumento della coscrizione dal 1942, ha ridotto il tasso di disoccupazione al di sotto dei livelli pre-depressione. La Grande Depressione finì finalmente e gli Stati Uniti rivolsero la loro attenzione al conflitto globale della Seconda Guerra Mondiale.

Un consiglio per un libro sulla storia dal Sueneé Universe Eshop

Miloš Jesenský: Wunderland Parte II. - Colpo di spada di Siegfried

Il Terzo Reich, la ricerca segreta, le armi segrete naziste: imparerai tutto questo in questo libro.

Miloš Jesenský: Wunderland Parte II. - Colpo di spada di Siegfried

Articoli simili