I denti di Hitler rivelano la causa della morte del dittatore nazista

5190x 04. 02. 2021 1 lettore
3a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

In un nuovo studio, scienziati francesi hanno analizzato frammenti dei denti di Adolf Hitler per dimostrare che morì nel 1945 dopo aver preso il cianuro e essersi sparato alla testa. Una ricerca pubblicata sull'European Journal of Internal Medicine nel maggio 2018 mira a porre fine alle teorie del complotto sulla sua morte attraverso un'analisi scientifica dei denti e del cranio del dittatore.

Studi e loro risultati

"Il nostro studio dimostra che Hitler morì nel 1945", ha detto all'AFP Philippe Charlier, l'autore principale dello studio. "I denti sono autentici, su questo non c'è dubbio."

Sebbene sia risaputo che Hitler sia morto nel suo bunker a Berlino, ci sono ancora voci sulla sua fuga. Una nuova ricerca dimostra che "non è fuggito in un sottomarino in Argentina, non si trova in una base nascosta in Antartide o sul lato opposto della luna", ha detto Charlier.

Quando le forze sovietiche attaccarono Berlino alla fine di aprile 1945, Hitler preparò piani per il suicidio, incluso il test di capsule di cianuro fornite dalle SS sul suo cane lupo Blondi e dettando l'ultima volontà e il testamento. Due giorni prima, Mussolini era stato ucciso a colpi di arma da fuoco da una squadra dell'esecuzione e poi pubblicamente impiccato per i suoi piedi in un sobborgo di Milano, in Italia - un destino simile sembrava inevitabile.

Poco dopo, il 30 aprile, i corpi di Hitler e della sua nuova moglie, Eva Braun, furono trovati nel bunker. La testa di Hitler era coperta da un proiettile.

Adolf Hitler su un poster tedesco della seconda guerra mondiale, 1943. Galerie Bilderwelt / Getty Images

Ispezione dei denti

Nell'aprile 2018, una pubblicazione delle memorie di un interprete russo in inglese ha rivelato che nel 1945 le era stata affidata una serie di denti. Il suo compito era di confrontarli con le cartelle cliniche del dittatore. I denti hanno coinciso e da allora sono rimasti in mani russe, ha riferito il Telegraph.

Dopo mesi di negoziati, l'FSB russo e gli archivi di stato russi hanno permesso agli scienziati di esaminare un frammento del cranio di Hitler e pezzi dei suoi denti. Un pezzo del cranio aveva un foro sul lato sinistro con bordi neri carbonizzati, identico a un proiettile. Sebbene i ricercatori non fossero autorizzati a prelevare campioni dal cranio, hanno notato nello studio che la sua forma sembrava essere "completamente paragonabile" ai raggi X del cranio di Hitler presi un anno prima della sua morte.

Terribile qualità

Le orribili immagini dei denti, pubblicate nello studio, mostrano una mascella fatta principalmente di metallo. "Al momento della morte", hanno scritto nel rapporto, "Hitler aveva solo quattro denti rimanenti." Gli altri pochi denti sono sfigurati, bruniti alla radice e contaminati da tartaro bianco.

L'analisi ha confermato le affermazioni spesso citate secondo cui Hitler era vegetariano, ma non è riuscito a dimostrare in modo convincente se il cianuro fosse stato ingerito prima dell'iniezione. I ricercatori hanno scritto che i depositi bluastri sui suoi denti falsi suggeriscono una serie di ipotesi diverse: c'è stata una reazione chimica tra i suoi denti falsi e il cianuro al momento della morte, durante la cremazione o quando i resti furono sepolti? Senza campionamento per l'analisi, è difficile dirlo con certezza. "Non sapevamo se la morte fosse stata causata da un'ampolla di cianuro o da un proiettile in testa. Molto probabilmente entrambi ", ha detto Charlier.

In ogni caso, lo studio potrebbe contribuire alla fine definitiva delle speculazioni sulla fuga di Hitler.

Suggerimento dall'eshop Sueneé Universe

Edith Eva Egerová: Abbiamo una scelta, o anche all'inferno può far germogliare speranze

La storia di Edith di Eva Eger, che ha vissuto orribile periodo di campi di concentramento. Sul loro sfondo ci mostra tutti abbiamo una scelta: decidere di uscire dal ruolo di vittima, liberarci dalle catene del passato e iniziare a vivere pienamente.

Edith Eva Egerová: Abbiamo una scelta, o anche all'inferno può far germogliare speranze

Articoli simili

scrivere un commento