Jutu: Cosa sulla luna ha paralizzato il rover cinese?

13. 01. 2023
5° convegno internazionale di esopolitica, storia e spiritualità

Il rover cinese Jutu, o meglio conosciuto il Coniglio di Giada, vive e lavora ancora sulla superficie della Luna (sebbene non si sia mosso da quasi sei mesi). I media cinesi in questi giorni hanno fornito notizie sulla causa del danno al veicolo.

Rover Jutu è atterrato sulla superficie della Luna il 14 dicembre 2013, poche ore dopo che la sua sonda genitrice Chang'e 3 è atterrata nell'area della cosiddetta Rainbow Bay, sul bordo settentrionale del Mare delle Piogge. Grazie a questa missione, la Cina ha nuovamente guadagnato una posizione leggermente superiore tra le potenze spaziali, perché dopo 37 anni ha effettuato un atterraggio controllato di un'astronave sulla Luna (lo sbarco precedente apparteneva ancora all'Unione Sovietica). Il rover da centoquaranta chilogrammi doveva operare sulla Luna per circa un quarto di anno, studiare la struttura geologica della Luna e la composizione della superficie, e cercare fonti naturali di materie prime.

Ma non ci volle molto e alla fine di gennaio il rover era letteralmente mutilato. Il servizio è stato interrotto irrevocabilmente dalla centralina, che si occupa dei movimenti meccanici della Juta, e non solo della corsa. Al momento del guasto, il rover era a circa 100 metri dalla piattaforma aerea madre. Mentre molto è stato scritto sulle conseguenze del guasto e sulla conseguente immobilità del robot, le cause del guasto dell'unità di controllo sono state a lungo un mistero avvolto nel silenzio. I tecnici cinesi li hanno semplicemente improvvisamente attribuiti a "condizioni complicate sulla superficie della luna". Ora i creatori del rover hanno parlato della questione nei media statali cinesi.

In effetti, le loro dichiarazioni suggeriscono che sebbene lo Jutu sia stato testato da scienziati di Pechino, Shanghai e persino dal deserto nella Cina nord-occidentale prima del decollo, le reali condizioni della pianura di atterraggio sono state semplicemente sottovalutate dai tecnici.

Secondo i risultati di team scientifici stranieri, che i cinesi hanno esaminato prima dell'inizio della missione Chang'e 3, statisticamente mostra che nel sito di atterraggio, Jutu potrebbe incontrare quattro pietre più alte di 20 centimetri ogni circa cento metri quadrati. Tuttavia, l'aspetto effettivo di Rainbow Bay è riferito molto più aggressivo e il numero e le dimensioni effettive degli insidiosi massi hanno superato di gran lunga questa aspettativa.

"Sembra quasi un campo di ghiaia", ha detto alla Xinhua State Media Agency cinese Zhang Yuhua, uno dei creatori dei sistemi di Chang'e 3.

Terreno in fondo a Rainbow Bay, dove è sbarcato Jutu Foto: Accademia cinese delle scienze

Terreno in fondo a Rainbow Bay, dove è atterrato Jutu. Foto: Accademia cinese delle scienze

Allora cosa è successo a Juta? Presumibilmente, la causa del suo danno può essere collegata solo al fatto che si è schiantato contro questi insidiosi massi durante la guida.

Le notti lunari, che durano 14 giorni terrestri, non si aggiungono certo al veicolo, durante le quali il rover a energia solare deve ibernare e accontentarsi dell'apporto di calore da una sorgente radioisotopica, mentre il mercurio del termometro gli cade intorno a - 180 ° C. Ognuna di queste notti indebolisce ulteriormente i sistemi di iuta. La differenza di temperatura dal fondo lunare è di circa 300 ° C, quindi i componenti di iuta spesso si espandono e si contraggono nuovamente a causa delle temperature fluttuanti.

In ogni caso, Jutu è molto più forte di quanto si aspettassero i suoi creatori. Ha lavorato sulla superficie lunare per otto mesi (quasi il triplo di quanto inizialmente previsto), è sopravvissuto a sette dure notti locali (la sua ottava inizierà presto) e ha già inviato una grande quantità di informazioni alla Terra. La Cina continua a contarci.

Il segnale di Jutus è anche apprezzato per essere rilevato regolarmente dai radioamatori, da ultimo in uno d'Inghilterra il 19 luglio.

 

Fonte CNSA; Chinese Aerospace Society e Astro.cz

Articoli simili