I megaliti generano i propri campi energetici

09. 06. 2021
4a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

I dati della ricerca lo suggeriscono megaliti e altri edifici antichicome cerchi di pietre e piramidi, immagazzinano e addirittura generano i propri campi energetici, creando così un ambiente in cui è possibile entrare in stati alterati di coscienza.

ricerca

Nel 1983, Charles Brooker ha condotto una ricerca per dimostrare la presenza del magnetismo nei luoghi sacri. Ha esplorato il cerchio di pietre megalitiche di Rollright in Inghilterra. Il magnetometro ha mostrato che la forza magnetica viene trascinata nel cerchio di pietre attraverso uno stretto spazio tra le pietre all'ingresso. Le due pietre occidentali del cerchio pulsavano e irradiavano cerchi concentrici di corrente alternata, che ricordavano le onde di uno stagno. L'analisi ha mostrato che "l'intensità media del campo [geometrico] all'interno del cerchio era notevolmente inferiore a quella esterna, come se le pietre agissero da scudo".

Nel tempio C'è un muro a Edfu in Egitto, attorno al quale lo spazio si differenzia energeticamente dall'ambiente circostante. Secondo antiche iscrizioni, gli dei prima crearono un terrapieno e "lo fecero attraversare dal serpente", grazie al quale il potere speciale della natura saturò questo luogo. Il serpente è stato un simbolo delle linee di forza a zig-zag della Terra in molte culture, che gli scienziati chiamano correnti telluriche. Sembra che gli antichi architetti potessero controllare le leggi della natura. La ricerca sui campi energetici all'interno e intorno ad Avebura, il più grande cerchio di pietre del mondo, ha dimostrato che i suoi megaliti erano destinati a dirigere le correnti telluriche.

Nel 2005, John Burke ha condotto una ricerca, i cui risultati ha pubblicato nel suo libro The Seed of Knowledge, the Stone of Abundance. Gli elettrodi situati ad Avebury hanno dimostrato che la trincea anulare interferisce con la trasmissione della corrente tellurica al suolo, raccoglie l'elettricità e la rilascia all'ingresso di Avebury. L'attività elettromagnetica diminuisce di notte e aumenta all'alba. Ha anche scoperto che le pietre sono intenzionalmente disposte per dirigere le correnti elettromagnetiche in una certa direzione. Questo è simile agli attuali acceleratori di particelle atomiche, in cui gli ioni si muovono nella stessa direzione.

Edifici sacri megalitici

Le strutture megalitiche sacre raccolgono energia elettromagnetica perché i megaliti contengono una quantità considerevole di magnetite. E proprio queste pietre sono state importate qui da luoghi molto lontani. Quindi le strutture megalitiche sono effettivamente enormi, ma deboli magneti. Ciò ha un effetto profondo sul corpo umano, specialmente sul ferro che scorre nei vasi sanguigni, per non parlare dei milioni di particelle di magnetite nel cranio e nella ghiandola pineale. È essa stessa molto sensibile ai campi geomagnetici e produce pinolina e serotonina su stimolazione, che porta alla formazione dell'allucinogeno DMT dimetiltriptamina, un allucinogeno molto potente a breve durata d'azione. Come è noto, in condizioni in cui l'intensità del campo geomagnetico diminuisce, le persone sperimentano stati mentali e sciamanici straordinari.

A Karnak, in Francia, dove sono stati contati circa 80 megaliti, è stato condotto uno studio esauriente dall'ingegnere elettrico Pierre Mirë. All'inizio dubitava che gli edifici megalitici avessero proprietà speciali. Ma la ricerca ha dimostrato che i dolmen hanno amplificato e rilasciato l'energia tellurica durante il giorno e hanno raggiunto il picco all'alba. Mirë l'ha paragonato all'induzione elettrica.

Secondo lui, “i megaliti si comportano come bobine o selenoidi, in cui le correnti induttive vengono attenuate o amplificate a seconda del campo magnetico circostante. Ma questi fenomeni non si verificano se il dolmen non contiene rocce cristalline con un alto contenuto di quarzo, come il granito ". I megaliti di Karnak, situati nella zona sismica più attiva della Francia, vibrano costantemente, rendendo queste pietre elettromagneticamente attive. L'energia pulsa a intervalli regolari, circa ogni settanta minuti le pietre vengono regolarmente caricate e scaricate.

Mirë ha notato che lo stress nelle pietre erette diminuiva a seconda della loro distanza dal cerchio di pietre, che in un certo senso agiva come un condensatore di energia. È evidente che i megaliti non sono stati collocati in questo punto per caso. Gli scienziati hanno stabilito che le pietre sono state importate da una distanza di novantasette chilometri e impilate in dipendenza diretta dal magnetismo terrestre.

Molte antiche tradizioni in tutto il mondo indicano un aspetto specifico: alcuni luoghi sulla superficie terrestre hanno una maggiore concentrazione di forza rispetto ad altri luoghi. Ed era qui che le persone costruivano templi e altri edifici rituali. Ogni cultura afferma che questi luoghi speciali sono collegati con i cieli e l'anima può entrare in contatto con il mondo della tomba durante il rituale.

NASA

Nel 2008, la NASA ha scoperto che la Terra è collegata al Sole da una rete di portali magnetici che si aprono ogni otto minuti. Tali scoperte sono confermate dalle affermazioni di sensibles e rabdomanti che negli edifici megalitici e nei templi antichi, si possono associare a luoghi ben oltre i confini di questa sfera planetaria.

Gli antichi sommi sacerdoti egizi non consideravano il tempio un agglomerato di pietre morte. Ogni mattina "svegliavano" ogni sala perché consideravano il tempio un organismo vivente che dorme la notte e si sveglia all'alba.

Una panoramica dei megaliti più famosi della Repubblica Ceca può essere trovata nel seguente video:

Suggerimento dall'eshop Sueneé Universe

Petr Dvořáček: In giro per castelli e castelli (ora con uno sconto del 19%!)

aggiornato una guida che fornisce un quadro completo dei nostri monumenti storici. La pubblicazione fornisce informazioni turistiche complete sulla forma attuale di oltre 230 degli oggetti più interessanti in termini di visitatori in tutta la Repubblica ceca.

Petr Dvořáček: girovagando per castelli e castelli

Articoli simili