Alieni - chi sono? E chi siamo realmente?

619458x 05. 11. 2020 1 lettore
3a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

Dicono vivono in mezzo a noi o siamo visitati da alieni se il governo è infiltrato da visitatori extraterrestri. Ma chi sono? E chi siamo esattamente? La visione scientifica classica ci dice che noi, come civiltà, proveniamo da una specie e condividiamo la stessa origine. Immaginiamo di esserci evoluti dalle scimmie e, come l'intera civiltà, di avere lo stesso passato e di portare lo stesso DNA. Ma non è così semplice.

Siamo tutti alieni

L'universo è molto vario e dinamico. Proprio come le persone migrano tra i paesi, così fanno i pianeti e intere civiltà. Una certa zona sarà colpita dalla guerra e da periodi spiacevoli, le persone inizieranno a cercare condizioni di vita più favorevoli e migreranno. La stessa cosa accade su scala planetaria. Le persone su un certo pianeta saranno spazzate via dalla guerra e distruggeranno tutte le condizioni per le loro vite. Naturalmente, tutte quelle anime, quegli esseri che si sono evoluti qui per migliaia di anni, non finiscono qui. Deve essere organizzato in modo che possano continuare la loro esperienza, il pianeta cesserà di essere abitabile, quindi la civiltà deve spostarsi altrove ed evolversi ulteriormente. E così le singole civiltà si mescolano.

Quindi si potrebbe dire che in questo momento siamo tutti in parte alieni, perché il pianeta Terra ha ottime condizioni per lo sviluppo della vita e quindi non fa eccezione.. Non c'è nessuno che porti il ​​DNA di una popolazione puramente indigena, quelli che si sono evoluti da forme di vita inferiori e non hanno mai avuto una casa diversa dalla Terra, e nel corso degli anni siamo diventati tutti un mix di tutte le civiltà che sono migrate qui o sono venute per un'altra ragione.

Allora chi sono, comunque?

Beh, dipende di chi parliamo quando diciamo di essere visitati dagli alieni.

Per quanto dinamico sia l'universo, è anche pieno di vita. È in costante movimento e tutto è in continua evoluzione. Proprio come il nostro sviluppo proviene da forme di vita inferiori, così passiamo a forme di vita superiori. Quindi, se sentiamo che gli alieni stanno arrivando da noi su navi avanzate che si avvicinano alla velocità della luce, il riconoscimento che devono essere una razza più avanzata ha sicuramente senso. La maggior parte delle civiltà che sono in grado di viaggiare interstellari sono, ovviamente, tecnologicamente più avanzate, ma questo dà già l'impulso che devono essere più avanzate in termini di essere.

Ma non limitiamoci all'idea che l'attività extraterrestre intorno al nostro pianeta non sia ricca. Ci sono molte razze diverse a molti livelli di sviluppo differenti. Tuttavia, non è garantito che quando vediamo i cosiddetti UFO o incontriamo casi di rapimento umano, dietro queste attività ci siano alieni. In effetti, la maggior parte degli avvistamenti sono i nostri militari, che gestiscono programmi transnazionali sconosciuti al pubblico. Ma ciò non esclude il fatto che non siano stati aiutati con questa tecnologia da un'altra razza più avanzata, e quindi, questo di per sé è una sorta di "prova" di qualcosa di più.

Programmi transnazionali

E sono questi programmi transnazionali segreti che oggi sono un ottimo collegamento con altre razze extraterrestri. Crescendo in modo incredibile dagli anni '50, oggi trasportano centinaia di migliaia di lavoratori attivi. Scienziati, ingegneri, medici, soldati e altri, che lavorano sotto il testimone della completa segretezza e spesso credono di lavorare insieme per il bene superiore dell'umanità.

Con le loro basi sulla Luna, Marte, vari crateri e altri corpi nel nostro sistema solare e, ultimo ma non meno importante, le basi sotterranee sulla Terra, queste persone stanno iniziando a rendersi conto che le tecnologie con cui lavorano quotidianamente possono risolvere tutti i problemi delle discipline umanistiche. sulla Terra, non andare alla loro pubblicazione e aiutare l'umanità. Cominciano così ad apparire individui che, nonostante tutti i pericoli derivanti dalla violazione di questo segreto, presentano in questi programmi le loro testimonianze della loro attività attiva. E qui veniamo alle informazioni che a volte dall'altra parte della luna sembra Times Square a New York. Quella cooperazione con le razze extraterrestri è abbastanza comune a un certo livello del programma, e molte di loro sono molto simili agli umani e altre sono completamente diverse.

Conclusione

Tuttavia, sono informazioni e conoscenze che sono saltate nel futuro per centinaia di anni ed è necessario prendere tutto con le pinze. Nessun posto dove affrettarsi con qualcosa e occuparsi principalmente di ciò che risuona con noi internamente e ha davvero senso per noi.

Suggerimento dall'eshop Sueneé Universe

Erich von Däniken: Hunters of Lost Knowledge

Astronavi, Sumeri, tecnologia dei faraoni: tutto questo ti guiderà nel mondo Erich von Daniken.

Il lettore apprenderà la scoperta di misteriosi spazi sotterranei a Giza, così come i più antichi testi cuneiformi dei Sumeri che registrano l'esistenza di astronavi. Conoscerà le tecnologie più avanzate dei faraoni, conoscerà le motivazioni degli artisti preistorici che creano mostri di pietra, gli verranno presentati indizi e contatti dell'umanità con civiltà extraterrestri e sull'antica manipolazione genetica. Siamo davvero eredi di culture estinte?

Erich von Däniken: Hunters of Lost Knowledge

Articoli simili

6 commenti su "Alieni - chi sono? E chi siamo realmente?"

  • DINTORNI DINTORNI ha scritto:

    Penso che l'Universo sia come un laboratorio. Molto grande e colorato. Grandi distanze tra le "ciotole Pteri" sono importanti per garantire una dinamica di sviluppo prevalentemente non violenta. Perché prima che qualcuno possa acquisire le conoscenze necessarie per i voli interstellari, deve prima affrontare il proprio lungo viaggio e non distruggersi su di esso. Se è un'intenzione o una coincidenza che sia così, ognuno deve cercare di trovare da sé la risposta.
    Quindi, se qualcun altro ci visita, probabilmente sarà uno scienziato e non un soldato. È ridicolo essere scettici sul fatto che i nostri vicini non studino o non vengano a trovarci. Il fatto che di solito non siamo in grado di rilevare adeguatamente la loro presenza è più una dimostrazione del nostro insufficiente sviluppo tecnologico. Penso che non rimanga altro che cercare di andare avanti il ​​più possibile in termini di conoscenza e tecnologia.

scrivere un commento