Mount Shasta: una montagna misteriosa e una destinazione sacra

09. 07. 2021
4a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

Mount Shasta Sebbene non sia la montagna più alta o più bella delle Cascade Mountains, certamente lo è il più leggendario. In termini di stranezza e particolarità, le storie insolite che circondano la montagna sono paragonabili a qualsiasi altra regione degli Stati Uniti, o forse anche al mondo intero. Secondo il quotidiano Sacramento Bee, più di 100 culti di tutto il mondo rivendicano il Monte Shasta.

Gli abitanti sotterranei del monte Shasta

In uno studio finanziato dal governo, l'89% dei visitatori intervistati ha ammesso di essere venuto sul Monte Shasta per adorare divinità ed esseri extraterrestri che si ritiene risiedano nelle cavità sotto la montagna - che vengono spesso definiti "abitanti sotterranei della montagna".

La maggior parte delle strane storie sul Monte Shasta provengono dal libro The Inhabitant of Two Planets, pubblicato per la prima volta nel 1906 e scritto da un giovane, Frederick S. Oliver, che viveva a Yrece, in California, durante la corsa all'oro. Il libro di Oliver contiene le prime menzioni pubblicate della connessione del Monte Shasta con la mistica confraternita degli "adepti spirituali", l'ingresso al tunnel che conduce alla città segreta sotto il Monte Shasta, Lemuria, il concetto di "IO SONO" e la "canalizzazione". "degli spiriti incarnati.

Monte Shasta (giugno 2016) © Dustin Naef.

J. Gordon Melton, un esperto di credenze insolite, ha descritto il gruppo "I AM Activity", fondato a Mount Shasta da Guy W. Ballard negli anni '30, come la prima credenza UFO al mondo.

Ballard ha affermato di aver incontrato il famoso alchimista, il conte Saint Germain, alla ricerca di una confraternita occulta segreta sulle pendici di una montagna; Saint Germain apparve a Ballard e condivise con lui alcune delle sue avventure aliene e viaggi con alieni dal pianeta Venere. Si presume che Ballard abbia ampiamente plagiato il libro The Inhabitant of Two Planets mentre scriveva le sue Memorie rivelate segreti sulle sue esperienze visionarie e spirituali sul Monte Shasta.

Tradizioni dei nativi americani

Alcuni spiritualisti moderni hanno una visione molto interessante del Monte Shasta. In uno studio sociologico, gli spiritisti moderni hanno riconosciuto le tradizioni indiane della montagna e hanno anche ammesso di averle talvolta imitate; tuttavia, hanno anche spesso riferito volontariamente che il loro sistema di credenze era un ulteriore sviluppo, e quindi più "avanzato" della cosmologia dei nativi americani.

Riflessione di Mt Shasta in un lago, Mountain Lake Modest Bridge, California. (Christopher Boswell / Adobe Stock)

Il Monte Shasta è un luogo dove molti spiritualisti moderni vanno per esprimere fisicamente manifestazioni di coscienza superiore sul pianeta ed entrare nei ruoli sublimi di guru spirituali ed esseri illuminati.

Gli spiritisti moderni hanno combinato la montagna sacra degli indiani con la mitica montagna dei sogni dei cercatori d'oro; dove l'oro pende dai tetti delle caverne lemuriane ingioiellate come giganteschi ghiaccioli. Sotto la montagna, la città di cristallo di Telos nella Terra Cava attende i Lemuriani - appena oltre la realtà della terza dimensione - dove tutti i desideri possono essere esauditi: immortalità, sollievo dal dolore e dalla sofferenza, lusso abbagliante, compagnia e amore.

Splendido scenario a Little Backbone Creek, Lake Shasta, California. (CC BY-ND 2.0)

Non c'è inferno in questa visione spirituale alternativa, ma gli abitanti della Terra sono costantemente avvertiti che stanno esaurendo il tempo e che dovrebbero evolversi e assicurarsi il loro posto nella quinta dimensione di Telos prima che si verifichi una futura catastrofe. Se non ti unisci a questo programma e non ti evolvi, rinascerai qui – o forse su qualche altro pianeta infernale – dove dovrai affrontare tutte le stesse dolorose lezioni e sfide karmiche prima di ascendere, oltre la realtà della terza dimensione. Potrebbero volerci altri 10 anni prima che gli abitanti della Terra abbiano l'opportunità di svilupparsi di nuovo.

Centro Paranormale e Madre Mary

Il Monte Shasta è generalmente considerato un luogo di eventi paranormali, dove le barriere tra i mondi sono molto più sottili. A volte anche i morti promettono di tornare dalla loro tomba all'interno della montagna.

Nel 1951, una donna con tendenze teosofiche, che si faceva chiamare Madre Mary, aprì un'attività chiamata "The Inn" sulla Main Street nel centro di Mount Shasta. Madre Maria si innamorò della montagna dopo aver letto il libro L'abitante dei due pianeti, credendo che la sua attività avrebbe attirato le anime perdute che sarebbero passate e le avrebbe aiutate nel loro cammino verso l'illuminazione. Durante diversi anni di attività, Marie ha ricevuto più di 10 visitatori.

Vista panoramica del Monte Shasta in California, Stati Uniti d'America. (checubus / Adobe Stock)

Nel corso degli anni, i passeggeri stanchi che viaggiavano attraverso l'Interstate 5 nel cuore della notte hanno avuto uno strano bisogno di spegnere l'uscita della città, dove erano solo a breve distanza e sono affamati fino alla soglia del Mary's Inn per scoprire che era l'unico posto aperto in città dove possono mangiare qualcosa.

Strada per il Monte Shasta. (Laura Jean / Adobe Stock)

Mamma Maria

Mary era sempre sola al piano di sopra nella sua stanza, ma si diceva che sapesse intuitivamente quando sarebbe arrivata la prossima visita, scese al piano di sotto e si era già seduta a tavola, pronta ad iniziare una vivace conversazione. Si diceva che Maria avesse un certo talento nel dire alle persone esattamente ciò che avevano bisogno di sentire, e parlava loro in modo molto modesto e discreto.

Quando Madre Mary morì all'età di 75 anni, avrebbe lasciato istruzioni ai suoi seguaci di vegliare sul suo corpo, poiché intendeva tornare dalla tomba. I membri della chiesa di Mary lo fecero e nascosero la sua morte quasi un mese prima di tutti gli altri. Durante questo periodo, un ragazzo di sedici anni e due uomini più anziani stavano costantemente a guardia del suo cadavere, aspettando che la sua anima tornasse al suo corpo fisico.

Illustrazione "Vigil at the Dead" © Dustin Naef da Mount Shasta's Forgotten History & Legends (2016).

È difficile immaginare l'orrore di un cadavere in decomposizione non imbalsamato che giace nella camera da letto di Maria al piano di sopra sopra la locanda per quasi un mese. Deve essere stato un incubo degno di Edgar Allan Poe.

Apparentemente i seguaci di Maria giunsero finalmente alla conclusione che la sua anima non sarebbe tornata al cadavere. Probabilmente l'aspetto orribile e l'odore del suo corpo li hanno riportati in sé, poiché alla fine si sono ripresi e hanno tranquillamente portato il suo corpo all'obitorio della città e hanno avvisato le autorità. Non c'è da stupirsi che Mother Mary's Inn sia rimasta chiusa da allora.

Suggerimento dall'eshop Sueneé Universe

Attualmente stiamo pulendo il magazzino e offriamo molti libri con uno sconto fino al 55% - li puoi trovare nell'e-shop nella categoria Vendita di libri - tutto per poche corone!

Campione di diversi libri della categoria Vendita di libri - tutto per poche corone!

Articoli simili