Heavenly Roads in Ancient Mesopotamia (Episodio 5)

1021x 30. 01. 2020 1 Reader

Il palazzo galleggiante di Enki

God Enki accompagnato dal suo ciambellano Isimud e dal peloso servitore Lachamou.

Tuttavia, i templi, le dimore degli dei descritti nei testi sumerici, non si limitano alle macchine volanti che scendono dal cielo. Nel caso del tempio del dio Enki, il più saggio degli dei, apprendiamo che il suo tempio galleggiava sull'acqua, che si trattasse di acque del mare o delle zone umide che circondano la città di Erid, la sua residenza. È l'elemento acqua che accompagna Enki ad ogni passo. Tutti i miti su Enki affermano chiaramente che la sua residenza era ad Abz, forse la profondità del mare, che è spesso interpretata da sumerologi e asriologi come un oceano di acqua dolce tra la superficie della terra e gli inferi. Forse questa interpretazione è influenzata dal mito accadico della creazione di Enum Eli, in cui Apsu è personificato come un oceano d'acqua dolce, che si mescola con le acque salate della sua controparte Tiamat, dando vita alla prima generazione di dei. Viene anche usato un altro termine sumero per Abza, che, secondo il Sumerian Dictionary della Pennsylvania, significa "acque sotterranee (cosmiche)". La vera sede di Enki si troverebbe quindi nelle profondità del cosmo, da dove discenderebbe sulla Terra e atterrerebbe sulla superficie del mare, simile al già citato tempio di Kesh. Come supporto per questa affermazione, si può ricordare il mito accadico della creazione del mondo di Enum Eli, in cui Apsu agisce come uno dei primitivi di base da cui viene creato l'universo e dopo la sua morte o trasformazione, Enki vi stabilì una dimora.

Una dimora le cui basi sono ad Abz

Illustrazione: Porto di Erid, la capitale di Enki.

Per comprendere meglio la natura della sede di Enki, il testo della canzone "Enki and the Organization of the World", uno dei miti più importanti su Enki, può aiutare. In esso, il dio, al comando di Enlila, prima sistemò il mondo e poi divise i poteri dei singoli dei. Tuttavia, questo mito contiene anche informazioni preziose sulla residenza di Enki in quanto tale:
“La tua grande dimora ha le basi in Abz, il grande ancoraggio del cielo e della terra. Ho costruito la mia Abza, un santuario, in ... e ho determinato un buon destino per lei.
Il testo si riferisce quindi ad Abza come il luogo di origine o fonte di potere per l'abitazione di Enki, e allo stesso tempo denota il suo santuario stesso, come evidenziato dai nomi tradizionali del tempio sumero di Erid, vale a dire E-abzu ed E-engura, o abzu house / casa acquatica cosmica. Va aggiunto che alcuni ricercatori associano Abza a strutture trovate in Sudafrica, che sono i resti della miniera d'oro di antichi visitatori delle stelle. In effetti, queste strutture sono, secondo Michael Tellinger, enormi generatori di energia che non solo hanno permesso di estrarre oro a livello industriale, ma sono stati anche usati per trasportare l'oro estratto sulla nave madre da Anunna. Ciò si riflette anche nel termine "ancoraggio di cielo e terra" usato nello snippet, che può essere interpretato come un'area di teletrasporto o di atterraggio.
Tuttavia, la connessione di Enki con l'acqua in quanto tale è indiscutibile ed è ripetutamente enfatizzata in tutti i testi in cui è presente questo dio. Questa stretta connessione è ulteriormente supportata dal fatto che il palazzo di Enki stesso si trovava sulla superficie del mare o sotto di essa, come illustrato nel seguente passaggio: Il Signore ha istituito un santuario, un santuario sacro, il cui interno è ingegnosamente costruito. Ha istituito un santuario nel mare, un santuario sacro i cui spazi interni sono ingegnosamente costruiti. Il santuario, i cui spazi interni sono filati intrecciati, è oltre ogni comprensione. Le fondamenta del santuario si trovano vicino al campo della costellazione, le fondamenta del santuario superiore sacro indicano la costellazione del Carro. Il suo mare terrificante è un'onda gonfia, la sua magnificenza fa paura. Gli dei di Anunna non osano avvicinarsi a lei. ... Per rinfrescare i loro cuori, il palazzo si rallegra. Anunna è in preghiera e supplica. Hanno eretto un grande altare per Enki nell'E-Inghilterra, per il Signore ... il Gran Principe ... il pellicano marino.
La descrizione del santuario in quanto tale evoca una struttura molto complessa che era al di là della comprensione della gente di quel tempo. Una struttura così complessa che assomigliava a un groviglio, un labirinto finito. Tuttavia, apprendiamo anche le informazioni essenziali sull'orientamento o l'allineamento cosmico del sedile di Enki con oggetti stellari. La prima è la costellazione "Campo", a noi nota come costellazione di Pegaso, e la seconda è un grande carro. L'importanza e l'unicità del santuario è sottolineata anche dal fatto che l'altra Anunna non vuole avvicinarsi, apparentemente senza una precedente chiamata. Paradossalmente, tuttavia, si presentano come dei sacerdoti, se lo si desidera, al tempio, che erigono l'altare e offrono preghiere. Come nel caso di Cache, Anunna è presente direttamente nei locali della residenza di Dio, che fungono da dimora.

Tempio di oro, argento e gemme

L'impronta del rullo sigillante raffigurante la nave che arriva al tempio.

Il santuario di Enki è senza dubbio un oggetto mozzafiato. Tuttavia, leggendo il testo "Il viaggio di Enki verso Nippur", è possibile rivelare la sua vera natura nella sua descrizione assolutamente dettagliata, che trova parallelismi in altri testi antichi di altre culture. Il testo della poesia inizia dopo che Enki ha completato la costruzione del suo splendido santuario acquatico e si è recato a Nippur per annunciare questo fatto a Enlil e celebrare correttamente il suo successo con altri dei, tra cui la potente Ana. Una parte sostanziale riguarda la descrizione dell'incredibile dimora sull'acqua di Enki. Sorprendentemente, sottolinea alcuni elementi importanti di questo edificio: “Re Enki, Enki, il signore del destino, costruì il suo tempio interamente in argento e smalto. La sua argento e lazurite brillavano alla luce del giorno. Ab Il palazzo in argento e lazurite suona come una struttura incredibile, ma una simile descrizione non differisce molto dalle altre antiche descrizioni di macchine volanti extraterrestri che sono fatte di gemme di metallo brillante, come Ezechiele o testi indiani. Altre parti del testo migliorano ulteriormente questa possibile connessione:
"Costruì un tempio di metallo prezioso, lo abbellì di smalto e lo ricoprì d'oro."
Inutile dire che l'oro è una materia prima essenziale per qualsiasi volo spaziale, in quanto funge da perfetto isolante, superconduttore e scudo contro i raggi cosmici. È anche sorprendente che si dice che il tempio emetta un suono:
“La sua muratura parla e dà consigli. Le sue pecore ruggiscono come un toro; Tempio di Enki moo. "
Inoltre, il "muro parlante" di Enki ha un ruolo centrale nella storia di Ziusudra e del Diluvio. Con esso, Enki diede a Ziusudra un rapporto sul disastro imminente e istruzioni su come salvare se stesso e quindi tutta l'umanità. Questo dettaglio è poi ripreso dalla tradizione accadica della storia di Atrachasis e Utanapishti, che sono essenzialmente una rivisitazione della storia di Sumius Ziusudra, il cui testo originale, purtroppo, è stato conservato solo molto frammentario. Guardando oltre "Il viaggio di Enki verso Nippur", incontriamo un tipico motivo d'acqua che è intrinsecamente associato a Enki:
“Un tempio costruito ai margini, degno dei magnifici principi divini! Eridu, la tua ombra si estende sul centro del mare! Mare che sorge senza rivali; un fiume imponente e maestoso che spaventa
paese! '
“Come è stato costruito; come è stato costruito; quando Enki sollevò Erida, è una montagna alta che galleggia sull'acqua.

La barca di Enki

Stampa del rullo di tenuta con il motivo della barca.

La partenza di Enki per Nippur rivela anche informazioni sulla tecnologia di Anunna, in quanto descrive la nave di Enki che non ci aspetteremmo nell'antica Sumer:
“La nave naviga da sola, con una corda di ormeggio che lei stessa. Mentre lascia il tempio a Erid, il fiume bolle per il suo padrone: il suo suono è il muggito del vitello, il muggito della buona mucca.
Quindi vediamo qui una descrizione di qualcosa che sembra un motoscafo o una barca. La nave sembra muoversi da sola e il suo movimento è accompagnato dal gorgoglio dell'acqua e dal suono del motore. La nave è descritta in modo simile nel mito di "Enki e l'organizzazione del mondo". Dichiara che Enki viaggia per mare e visita terre lontane, compresa la terra di Melucha (il bacino del fiume Indo) da cui porta oro e argento, e mandandolo a Nippur a Enlil.
L'intera descrizione del quartier generale di Enki può essere paragonata a un fenomeno, che si chiama USO - oggetto sommerso non identificato. È parlato e scritto principalmente nel contesto di antiche città sotto il livello del mare o di oggetti che si trovano sotto la superficie dell'acqua e spesso lasciano l'acqua e si dirigono verso il cielo, come osservato, ad esempio, sul Lago Titicaca, ma anche su altri corpi idrici. Ed è proprio l'acqua, la profondità del mare abitata da Enki, e con lui i suoi fedeli servitori, l'Abgal, Akkadian chiamato apkallu, che il loro padrone mandò a diventare un insegnante dell'umanità, a cui passarono tutta la conoscenza dell'agricoltura, della scienza e dell'arte, Testi accadici. Indubbiamente il più importante di questi abgalo è Adapa, che, dopo un conflitto con il "vento del sud", fu chiamato in cielo ad Ano stesso per spiegargli le sue azioni. Il percorso di Adapa to Heaven sarà descritto in modo più dettagliato in un altro episodio di questa serie.

Percorsi celesti nell'antica Mesopotamia

Più parti dalla serie

Lascia un Commento