Perché sono state costruite le piramidi e qual è il loro scopo

7439x 17. 10. 2019 1 Reader

Uno dei motivi per cui l'umanità non ha ancora capito il livello di conoscenza dei nostri antenati è perché hanno interpretato male i geroglifici o pittogrammi.

pittogrammi

Gli aspetti più importanti della conoscenza tramandata di generazione in generazione sono stati registrati nel linguaggio dei simboli piuttosto che nelle parole. Il pittogramma può contenere diversi livelli di informazioni (significati). I singoli simboli contenevano il significato dell'intera dottrina, mentre l'espressione di un singolo pensiero in parole talvolta richiedeva un numero di libri. Inoltre, i registri verbali lasciano spazio a interpretazioni errate e manipolazioni.

La capacità di leggere testi sacri scritti in un linguaggio geroglifico è andata perduta molto prima della fine della civiltà egizia. I sacerdoti delle ultime dinastie non erano più portatori di conoscenza, consapevoli del vero significato. Quando disponevano i geroglifici sulle pareti dei templi, avevano un'idea del vero significato di un sacerdote della fisica quantistica ordinaria. Ecco perché gli insegnamenti dei nostri antenati sull '"energia della vita", che spazia da Aristotele a Talete di Milet fino ai giorni nostri, sono stati male interpretati.

Qual era la distorsione della teoria dell '"acqua della vita" che Thales portò dall'Egitto?

Aristotele ha insegnato che l'acqua è il principio base di tutte le cose. Tutto ne esce, e sorge e ritorna costantemente. I cambiamenti nelle cose sono dettati dalla compressione e dalla solidificazione. L'interpretazione errata di questi risultati, che provengono dalla profonda antichità, è dovuta all'incapacità di comprendere il significato dei geroglifici pertinenti. In particolare, il simbolo qui sotto ha il significato del termine "energia", che ancora oggi viene tradotto dagli egittologi classici come "acqua"! Usa la tua logica e guarda il simbolo. Assomiglia fortemente a una sinusoide. In matematica, una sinusoide viene utilizzata per descrivere un processo di onda o oscillazione. Una simile analogia deriva naturalmente dall'osservazione del movimento delle onde sulla superficie dell'acqua.

Simbolo

Tutto ciò che è costituito dalla materia è dovuto all'interazione di varie vibrazioni dell'ambiente. Pertanto, un simbolo simile ad un'onda viene utilizzato per riflettere naturalmente l'essenza di questo processo. Se sostituiamo la parola "acqua" nell'affermazione sopra con "energia", arriviamo a ciò che si trova proprio sulla base di guardare al mondo degli antichi sacerdoti egiziani e alle loro dottrine. L'energia è il principio base di tutte le cose. Tutto ne consegue ... Tutto viene da esso e ritorna in energia. I cambiamenti nelle cose sono dettati dalla compressione e dall'irrigidimento dell'energia ...

Dopo la lettura attraverso queste parole, ci si rende conto che gli insider profonda antichità, da cui gli antichi sacerdoti egizi ereditato il suo concetto, gli scienziati hanno un altissimo livello di conoscenza e che Albert Einstein è stato il primo a scoprire la capacità di campi spazio, tempo ed energia, ha concluso che:

"Il campo è l'unico fatto: non c'è materia fisica, solo condensa e compattazione del campo."

Il significato di questo simbolo diventa ancora più evidente quando il nostro sguardo, che è fissato alle pareti nelle camere funerarie di Amenhotep III, Ay e Toth-Ankh-Amon (Tutankhamon) nella Valle dei Re, si ferma dopo la rappresentazione della Sacerdotessa Urt Hekau, di cui possiamo tradurre il nome come "detentore del potere sacro". Sopra i suoi palmi si trova un noto geroglifico, che suggerisce che le mani della sacerdotessa qui registrate irradiano energia che non solo i guaritori spirituali e spirituali antichi ma contemporanei influenzano la struttura energetica dell'essere umano.

Non c'era niente all'inizio

Alla luce di ciò, il "mito della creazione del mondo" sente il suo vero significato e ci svela i segreti di ciò che i vecchi sacerdoti dinastici conoscevano sugli inizi di tutto ciò che esiste. Non c'era niente all'inizio dell'inizio. Niente aria, niente luce, niente suono, niente cielo, niente terra, niente fuoco, niente vita, niente morte - solo un infinito Oceano immobile di energia primordiale immerso nell'oscurità (Suora). Dio ha creato dall'energia primordiale. Si chiamava Atum (tutto e niente) ... (tradotto dall'antico egiziano)

Aton

Simbolo

Il dio NU proviene dalle acque primordiali (energia) e tiene in aria la nave del dio Ra che trasporta i "nove grandi dei" guidati dal dio Ra che si è creato da Nun.

Energia primaria

Gli dei che navigano nella barca Ra simboleggiano il processo di conoscenza (conoscenza di sé). Il movimento nella creazione significa che gli eventi si svolgono nell'universo e il tempo, cioè l'universo, che viene percepito dai sensi, inizia a esistere come la massa di entità in movimento. Le linee ondulate che formano lo sfondo delle immagini di Ra, Osiride, Nu e Nut mostrano che tutte le fasi descritte avvengono nell'ambiente energetico. Il dio Ra (Kheper) è raffigurato sotto forma di uno scarabeo scaraba. La parola kheper, tradotta come "sviluppo", significa letteralmente "rotazione", mentre la parola paut significa "la cosa o sostanza primordiale" da cui deriva tutto.

Come descritto qui in un modo brillantemente semplice, il meccanismo attraverso il quale attraverso il controllo dell'energia, attraverso il controllo (cambiando la velocità della sua rotazione regolare (e rotazione) che si intensifica e si differenzia), Dio crea tutto: "Dei" e tutti i tipi di forme di vita. Ecco perché lo scarabeo che lancia la palla di letame (questo riflette Dio che ruota l'energia) era un simbolo del grande processo creativo di Kheper.

Il filosofo consapevole dell'antichità, che voleva registrare l'idea per la prole successiva, scelse un'immagine visiva che veniva vista ogni giorno ed era facile da capire per gli abitanti del deserto. Questa immagine era appropriata perché nel loro incontro quotidiano con lo scarabeo, le persone trasformavano i loro pensieri dalle preoccupazioni terrene all'essere più alto. L'immagine dello scarabeo Kheper era una specie di catalizzatore per la concentrazione immediata della meditazione nella natura di Dio Creatore.

Nel tempo, l'idea è stata distorta e trasformata in assurdità. Ecco perché oggi l'Egittologia convenzionale dice di Kheper quanto segue:

“Lo scarabeo sacro era un simbolo di auto-creazione, perché gli egiziani credevano che lo scarabeo emergesse spontaneamente dalla palla di letame (che in realtà serve a proteggere le uova e le larve che emergono da loro). Pertanto, adorarono lo scarabeo nero antracite sotto il nome di Khepri, che è "colui che viene dalla terra" e lo associarono da lungo tempo con il Creatore-Dio Atum e lo considerarono un'immagine del dio-sole. Proprio mentre lo scarabeo spingeva la palla di sterco di fronte a lui, credevano che Kheper avrebbe spostato il disco solare attraverso il cielo. Lo scarabeo solare, che dava luce e calore, veniva spesso raffigurato dalle persone sulla ceramica, e divenne uno degli amuleti più popolari e fu posto con i morti come simbolo di una vita rinata ”.

L'idea che ci è venuta nel tempo, dove l'ambiente è un oceano di energia, onnipresente e diffuso, che ha trovato riflessione non solo nelle dottrine spirituali di base sulla natura della creazione, ma anche nella ceramica preistorica, che ha avuto un ruolo in una sorta di libro di testo teorico visivo.

Composizione su vecchia scala

Vedi il vaso qui sotto. Trovato su un'antica scala egiziana, questa composizione è interessante perché contiene diversi strati di informazioni utili nascoste agli occhi dei non familiari. Le quattro piramidi al centro sono la prova diretta dell'esistenza di complessi piramidali nella preistoria. Piramidi, animali, uccelli ed esseri umani sono posti su linee ondulate, a simboleggiare l'idea che la Terra e l'acqua siano fonti di energia.

Progettazione di un antico vaso in ceramica

Le linee ondulate verso l'alto sono disturbi geologici che, come attraverso i canali, hanno portato i flussi di energia della terra in superficie. La composizione nel suo insieme spiega che le "formazioni" della Terra sono una fonte di energia per uccelli, animali, esseri umani e piramidi. Set di quattro brevi linee a forma di S sopra gli esseri umani e le piramidi sono flussi di energia che fluiscono dalla Terra e attraverso le punte delle piramidi verso l'alto verso il cielo, e sono rappresentati da diverse file di linee ondulate che indicano che si tratta di un campo di energia.

dolmen

L'integrità di questa conoscenza e la diffusione diffusa di un unico linguaggio di simboli nell'antichità profonda mostrano i simboli trovati sui muri dolmen dalla costa del Mar Nero alle montagne del Caucaso occidentale e all'Irlanda.

I testi che accompagnano questo simbolo parlavano delle pratiche (processi) che collegavano l'essere umano a una "fonte di energia vitale", mentre le strutture su cui era posto il simbolo fungevano da amplificatori di quell'energia. Queste strutture risonanti sono state utilizzate per:

- trasmissione del flusso di energia (informazioni) a distanza,

- ripristinare i ritmi bioenergetici dell'organismo sincronizzandoli con i flussi di energia che salgono dalle profondità della Terra. Ecco perché su alcuni dolmen ci imbattiamo in versioni verticali di un pittogramma che simboleggia l'aumento di energia proveniente dalla Terra.

Quando parliamo di energia, l'elemento vitale della creazione, da cui emergono tutte le diverse forme di vita, all'inizio del nuovo millennio siamo in grado di cogliere ciò che sta dietro queste parole. Per secoli, questa antica conoscenza rimase inaccessibile all'umanità, riportata nella notte dell'ignoranza, come era ai tempi di Aristotele. Più di 5 000 anni prima che Thales visitasse l'Egitto, i sacerdoti avevano una conoscenza precisa delle scienze naturali - e solo la stravaganza e l'atteggiamento confuso dei rappresentanti della scienza che non erano ancora disposti a riconoscere quei "predecessori" che impedivano lo studio e la percezione delle prove in cui ci hanno lasciato pietre dell'antica cultura egizia, come espressione di conoscenze e metodi scientifici, soprattutto nel campo della medicina e della parapsicologia.

Questa conoscenza e questo metodo sono almeno al nostro livello comparabile e in molti casi vanno ben oltre ciò che la nostra civiltà ha raggiunto finora.

Dolmen sul fiume Zhane nel Caucaso occidentale.

záver

Quindi il titolo del testo del Libro della Terra di cui sopra potrebbe almeno essere corretto per essere chiamato - Colui che nasconde (il tempo) la personificazione dell'orologio dell'energia. Ciò che abbiamo delineato sopra non è l'unico esempio che dimostra sufficientemente un approccio altamente scientifico alla comprensione e alla descrizione del mondo. Questo è uno dei tanti motivi seri per cui i testi più vecchi dovrebbero essere visti più da vicino, poiché potrebbero contenere informazioni inestimabili per noi.

Un frammento del libro Terra, Parte A, scena 7 dal funerale di Ramesse VI nella Valle dei Re

biglietto d'invito

Puoi saperne di più su questi argomenti su prossima conferenza 23.11.2019 - 24.11.2019 a Brno (maggiori informazioni su https://energyoflife.cz/valery-uvarov-v-brne/dove Valery Uvarov visiterà e fornirà le sue conoscenze acquisite durante la sua pratica

Argomenti del seminario a Brno:

  • Come ottenere la risonanza con una fonte di alimentazione universale.
  • Cicli biologici ed energetici dell'essere umano.
  • Come usare le bacchette Horus
  • Il modo giusto ed efficace per ripristinare i ritmi bioenergetici del corpo;
  • Come purificare efficacemente il nostro corpo dalle scorie e dalle energie negative.
  • Come salvare, accumulare e accumulare energia per la salute e la trasformazione spirituale.
  • Come calcolare un singolo ciclo annuale di bioenergia.

Articoli simili

Lascia un Commento