Giganti a sei dita e divinità di Atlantide (episodio 2)

21. 04. 2020
4a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

Nel Simposio di Platone (189-190 d.C.), Aristofane indica l'antico mito dell'androgino, secondo il quale la nostra natura originaria non era quella di oggi. Quando androgino è stato diviso in due parti, sono stati creati due sessi diversi: maschio e femmina. Platone è noto per le sue opere Timaios e Kritias, in cui descrive Atlantide e la grande alluvione che la distrusse, ma è molto meno noto che conosceva anche antichi esseri androgini. La nota dichiarazione di Alfred North Whitehead recita: "La filosofia occidentale è una serie di note a piè di pagina sull'opera di Platone". Accettiamo questo fatto, ma allo stesso tempo lo ignoriamo quando scriviamo su un argomento inimmaginabile per la scienza?

Platone e Aristotele alla scuola di Atene, affresco, Raffael Santi 1509-1511

Anche Filone d'Alessandria (I secolo d.C.) adottò la concezione dualistica della creazione di Platone. Aggiungi Bérosse, Midraš, Gnostics e un certo numero di altre fonti all'elenco di coloro che l'hanno ripreso, comprese quelle già menzionate. Nel suo libro The Sky God Dyaeus, Johannes Richter fa l'incredibile affermazione che in un lontano passato c'era una religione mondiale che adorava una divinità androgina. Scrive: “È difficile credere che le persone adorassero una singola divinità androgina 20 anni fa, ma le statue del Paleolitico parlano abbastanza chiaramente. È stato trovato un gran numero di statue a più teste e una delle statue più antiche con queste caratteristiche fatte di mammut è stata trovata nel Gargarion in Ucraina e si dice che abbia 000 anni.

Statuetta androgina a due teste di 22,000 anni proveniente da Gargarion in Ucraina. Fonte: Joannes Richter, The Sky God Dyaeus

Alcune delle tante divinità androgine trovate in varie culture in tutto il mondo sono Adam Kadmon (ebrei), Agdistis / Agditis (Phrygians in Anatolia), Agni (Hindus), Angamunggi (Australian Aborigines), Ardhanari / Ardhanarisvara (Hindus), Araiti Iraniani), Asgaya Gigagei (Cherokees), Aton (egiziani), Awonawilona (Zuni), Da (Dahomeans), Deva (indonesiani), Eros (greci), Fro Ing / Ingwaz (norvegesi), Galatura / Kurgarra (Sumeri), Gran 'Silibo / Silibo-Gweto (acque), Gwydion (celti), Inari (scintoisti), In P'en (guatemaltechi), Kahukura (maori neozelandesi), Lan Zai Gui (taoisti), Labarindaja (aborigeni australiani), Mahatala-Jata (abitanti del Borneo), Malimeihevao (Polinesiani), Mwari (Rhodesiani nello Zimbabwe), Nenechen (Cileni), Nous (Gnostici), Virakocha (Incas).

L'originale uomo androgino di Platone. Androgyn, dettaglio sull'antica anfora greca.

Dovremmo accettare il fatto che tutte queste culture, a volte isolate su isole lontane, hanno creato la stessa tradizione di antiche divinità androgine come hanno creato la tradizione del continente perduto, le grandi alluvioni, i giganti e le persone con sei dita solo come una coincidenza?

Cosa c'è in borse misteriose

Un altro aspetto notevole di questo mistero è che molti di questi creatori divini androgini in tutto il mondo sono raffigurati con strane borse nelle loro mani. Graham Hancock, autore di Fingerprints of The Gods, ha spiegato il possibile trasferimento di tecnologia dai sopravvissuti di un antico cataclisma e ha sottolineato che questi portatori di arte, scienza e civiltà di solito portano la borsa. Molte teorie cercano di spiegare chi siano questi esseri, ma è noto che possiamo incontrarli in tutto il mondo e che sono associati ad esseri soprannaturali androgini sopravvissuti all'affondamento del continente. Allora, chi erano questi esseri e da dove venivano?

La divinità androgina babilonese Oannes sotto forma di un uomo-pesce che trasporta una borsa.

Diamo un'occhiata ad alcune di queste divinità apparse dopo l'alluvione del mondo. Oannes era una divinità babilonese androgina nella forma di un uomo e di un pesce, che portava una borsa tra le mani. Il fatto è che in "The Babylonian Expedition of the University of Pennsylvania, Series A: Cuneiform Texts", HV Hilprecht fa un'affermazione essenziale per comprendere questo essere: "Questa natura androgina, questa capacità di contare su se stessi, su se stessi, su questa autosufficienza è peculiare a tutti e ogni dio dei Sumeri. Tutti gli dei sumeri sono androgini.

Oltreoceano, in Messico, nella località olmeca di La Venta (1800 a.C.), Quetzalcoatl, un semidio discendente di una creatura androgina chiamata Ometeotl, è raffigurato mentre porta una borsa. Il leggendario Virakoča, un'altra divinità androgina, è noto per il suo lavoro in Sud America nel periodo post-diluvio. È spesso raffigurato come un gigante barbuto che proveniva da un continente perduto nell'Oceano Atlantico e diffondeva conoscenze avanzate e avanzate. Per uno strano motivo, si chiama "schiuma di mare" proprio come lo era il leggendario Cuchullain in Irlanda. Si diceva che Cuchulain avesse sette dita dei piedi e delle mani (questa informazione può essere trovata anche sulla Wikipedia in inglese) e provenisse da un regno perduto nel mezzo dell'Atlantico. Entrambi questi esseri soprannaturali erano chiamati schiuma di mare perché avevano a loro disposizione una nave da guerra avanzata che suscitava stupore nei nativi? Dove camminavano questi esseri, improvvisamente apparvero civiltà avanzate e intricati edifici in pietra. Alcune delle civiltà più affascinanti e complesse apparvero improvvisamente in Sud America, Sumer ed Egitto. Si dice che l'androgino Thovt nella vasta letteratura delle società esoteriche abbia avuto origine ad Atlantide ed era noto anche come Hermes Trismegistos. La parola ermafrodita ha origine dai nomi degli dei greci Hermes e Afrodite.

Il semidio androgino Quetzalcoatl, discendente dell'androgino Ometeotl, che trasportava una borsa di soccorso dalla località olmeca di La Venta, 1800 a.C.

Un'altra prova della complessità dell'antica cultura sumera è una recente scoperta. Come ha pubblicato il Guardian il 24.8.2017 agosto 100, la squadra di Sydney ha finalmente decifrato il tavolo babilonese dopo quasi XNUMX anni. L'articolo afferma:

"I matematici hanno discusso per quasi un secolo sull'interpretazione di una tabella nota come Plimpton 322, da quando l'editore di New York George Plimpton l'ha riferita alle collezioni della Columbia University negli anni '30. Lo comprò da Edgar Banks, un diplomatico, antiquario e fiammeggiante archeologo dilettante che si diceva fosse stato un modello per Indiana Jones - le sue attività includevano la scalata del Monte Ararat e il fallito tentativo di trovare l'Arca di Noè - . Mansfield, che ha pubblicato la sua ricerca con il suo collega Norman Wildberger sulla rivista Historia Mathematica, ha detto che anche se i matematici avevano capito per decenni che la tabella mostrava un teorema di Pitagora molto prima di Pitagora, non potevano essere d'accordo sul vero scopo della tabella. 'Il suo scopo è stato, fino ad ora, un grande mistero: perché gli antichi scribi eseguivano il complicato processo di creazione e disposizione dei numeri su questo tavolo? La nostra ricerca mostra che Plimpton 20 descrive le forme dei triangoli rettangoli utilizzando un nuovo metodo di trigonometria basato su rapporti, non angoli e cerchi. È un lavoro matematico affascinante che mostra chiaramente un genio indiscutibile. '

Statua a due teste di Herma, Atene.

La tavola non solo contiene i calcoli trigonometrici più antichi del mondo, è anche l'unica tavola trigonometrica perfettamente accurata, a causa dell'approccio completamente diverso dei babilonesi all'aritmetica e alla geometria. Questo è di grande importanza per il nostro mondo. La matematica babilonese potrebbe essere passata di moda più di 3 anni fa, ma ha applicazioni pratiche nel rilevamento, nella computer grafica e nell'istruzione. Questo è un raro esempio di ciò che il mondo antico può insegnarci. '

Tavolo babilonese Plympton 322.

Tutto ciò lo costringe a chiedere se questa informazione non sia stata trasmessa ai babilonesi dall'androgino Oannes che portava la borsa. Ci si chiede anche perché i Sumeri usassero 60 al posto del numero di base.Questo antico mistero può essere spiegato dal fatto che coloro che hanno portato la civiltà avevano sei dita invece di cinque, come detto sopra? Questo ci porta a un'altra caratteristica interessante associata agli antichi esseri soprannaturali: sei dita delle mani e dei piedi. La citazione della Bibbia sul gigante Gath era precedentemente associata a statue di Ain Ghazal, ma questa storia continua.

Incisione di un'impronta di sei dita dell'isola di Tarawa. Fonte: The Footprints of Tarawa, IG Turbott, Colonial Administration Service, vol.38, 1949.

Ovunque nel mondo ci sono statue antiche, incisioni e petroglifi con figure che hanno sei dita. Dalle lontane isole del Pacifico a numerosi esemplari provenienti dagli Stati Uniti e da altri paesi del mondo. Edgar Cayce racconta anche di una nobile creatura con sei dita chiamata Muzuen, che viaggiò dal perduto continente pacifico di Lemuria al deserto del Gobi nel 9 a.C.

Gli esoteristi credono che le sei dita fossero un segno tipico delle antiche divinità androgine soprannaturali e dei loro discendenti, e che questo segno sia poi scomparso a favore dell'odierno homo sapiens a cinque dita. Forse questo è uno dei motivi per cui il biblico Adamo fu raffigurato nel dipinto del 1540 di John Van Scorel con sei dita. La descrizione di Cayce di Muzuen dalla profezia 877-10 afferma che era alto 1,8 metri, con gli occhi azzurri, i capelli d'oro e sei dita sulle mani, il che evoca immediatamente l'immagine delle mummie dall'aspetto europeoide scoperte di recente dal bacino di Tarim in Cina, molte delle quali avevano capelli rossi o biondi, occhi azzurri e un'altezza di circa 2 metri.

Utah, un petroglifo raffigurante una figura a sei dita. Fonte: Rock Art Pages

Creatori divini androgini, strane creature con piastrelle, strutture in pietra irreali, iconografia sorprendentemente simile, e tutte le fonti che ho citato, da Edgar Cayce ai Rosacroce a Platone, descrivono lo stesso fatto. Non vale la pena affrontarlo? Certo che l'ha fatto e non sono solo. Molti ricercatori hanno intrapreso un percorso pieno di questi misteri per decenni e ora sembra che possiamo esplorare queste idee in modo molto più dettagliato.

Un'incisione di un'impronta di sei dita dell'Illinois. Fonte: documenti di antiche gare nella valle del Mississippi, Wm. McAdams, pagina 42, 1887.

Dipinto di Adamo con sei dita, Jan Van Scorel, 1540. Particolare della mano sinistra di Adam.

In questa visione alternativa della storia, hanno senso tutte le tradizioni strane e mitologiche di tutto il mondo, che non sono affatto affrontate dall'attuale paradigma scientifico, lasciandoci nell'idea che i nostri antenati fossero superstiziosi, illogici e pazzi. Tragedie come l'incendio della Biblioteca di Alessandria o la distruzione dei codici Maya furono aggravate dalla decisione della scienza moderna di buttare via migliaia di anni di prove sotto forma di miti, leggende, libri religiosi, tradizione orale e letteratura delle società segrete. Più mi occupo di esso, più comprendo il mondo antico descritto da Edgar Cayce e altri come un fatto possibile. Certamente non credo che le teorie sulla cospirazione accademica siano vere, ma la natura umana e l'effetto draconiano dell'adesione ai paradigmi esistenti rappresentano un difficile rivale per tutte le nuove idee. Si spera che queste informazioni influenzeranno i lettori tanto profondamente quanto me, e sarai aperto a riflettere su queste interpretazioni apparentemente eretiche del nostro passato.

Giganti a sei dita e divinità di Atlantide

Altre parti della serie