Transilvania: il mistero delle tavolette di argilla di Tărtărij

15. 03. 2020
4a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

Nel 1961, un resoconto di una sensazione archeologica si diffuse nel mondo scientifico. No, il "colpo" non è venuto dall'Egitto o dalla Mesopotamia, ma dalla Transilvania! È stata una scoperta inaspettata in Transilvania, nel minuscolo villaggio rumeno di Tărtăria.

Cosa ha sorpreso gli scienziati eruditi che studiano la storia? È possibile che si siano imbattuti in un ricco cimitero come la tomba di Tutankhamon? O si sono imbattuti in una serie di capolavori di opere antiche? Niente del genere. Tre piccole tavolette di argilla si sono occupate del sollevamento generale. Si trattava di personaggi misteriosi, sorprendentemente simili (come espresso dal loro scopritore, l'archeologo rumeno N. Vlassa) ai testi pittografici sumeri della fine del IV millennio a.C.

Gli archeologi, tuttavia, hanno avuto un'altra sorpresa, le tabelle trovate erano 1000 anni più vecchie dei Sumeri! Tutto quello che dovevano fare era indovinare come 7 anni fa il più antico manoscritto della storia umana avrebbe potuto trovarsi così lontano oltre i confini delle famose antiche civiltà orientali, in un luogo in cui non erano affatto previsti.

Sumeri in Transilvania?

Nel 1965, un sumerologo tedesco, Adam Falkenstein, credeva che i testi fossero stati scritti in Tartaria sotto l'influenza di Sumer. MSHood gli si oppose sostenendo che i piatti tartari non avevano assolutamente nulla a che fare con la letteratura, affermando che la Transilvania era visitata dai mercanti sumeri e che le loro tavole locali venivano copiate. Naturalmente, il popolo della Tartaria non sapeva cosa fosse scritto sulle tavolette, ma ciò non gli impedì di usarle nelle cerimonie religiose.

Non c'è dubbio che le idee di Hood e Falkenstein siano originali, ma hanno i loro punti deboli. Come spiegare la millenaria "frattura" nel tempo tra le tavolette tartare e sumere? E come è possibile copiare qualcosa che ancora non esiste? Altri esperti hanno visto una connessione tra i testi tartari e Creta, ma in questo caso sarebbe una differenza di tempo di duemila anni.

La scoperta di N. Class non è passata inosservata nemmeno nel nostro Paese. TSPassek, un dottore in scienze storiche, ha incaricato un giovane archeologo V. Titov di ricercare il soggiorno dei Sumeri in Transilvania. Sfortunatamente, la ricerca non ha risolto il mistero tartaro. Tuttavia, il Sumerologo A. Kifishin, un lavoratore di laboratorio presso l'Istituto di Archeologia dell'Accademia delle Scienze dell'URSS, ha eseguito un'analisi del materiale raccolto ed è giunto alle seguenti conclusioni:

  1. I piatti tartari sono una piccola parte di un vasto sistema di letteratura locale.
  2. Nel testo di una delle tavole ci sono sei simboli antichi che corrispondono alla "lista" della città sumera di Džemdet-Nasr, oltre a sigilli trovati in una tomba in Ungheria e appartenenti alla cultura Körös.
  3. I caratteri in questa tabella devono essere letti in un cerchio in senso antiorario.
  4. Il contenuto del testo (se lo leggiamo in sumero) conferma il ritrovamento di un corpo maschile squartato, anche in Tartaria, che proverebbe l'esistenza del cannibalismo rituale negli antichi Transilvani.
  5. Il nome del dio locale Shaue corrisponde al dio sumero Usmu (Isimud). La tabella è stata tradotta come segue: “Durante il quarantesimo anno, era un rito per la bocca del dio Shaue bruciato vecchia donna. Era decimo. "

Allora cosa si nasconde nelle tavole tartare? Non abbiamo ancora una risposta chiara. Una cosa è certa, tuttavia, solo una ricerca dettagliata dell'intero complesso dei siti culturali di Vinča (e Tartarie ne fa parte) può avvicinarci alla soluzione del mistero di tre piccole tavolette d'argilla.

Opere di tempi lontani

Le rive del fiume, a monte del quale erano trainate da navi,Il mistero delle tavolette di argilla tartara Le strade su cui passavano i carri erano ricoperte di erba e le abitazioni della città si ridussero in macerie.

Dall'epica sumera "La maledizione di Akkad"

A una ventina di chilometri da Tartaria si trova la collina di Turdaș, sotto la quale si trova un insediamento agricolo neolitico. Gli scavi sono stati effettuati lì dalla fine del secolo scorso, ma non sono ancora stati completati. Anche allora, gli archeologi erano affascinati dai caratteri pittografici sui frammenti dei vasi.

Gli stessi segni sono stati trovati su frammenti nella località neolitica di Vinča in Serbia. A quel tempo, gli archeologi li consideravano segni di bruciatura del proprietario della nave. Gli archeologi di Turdas sono stati sfortunati, il fiume locale ha cambiato direzione e ha spazzato via quasi tutto. E nel 1961, gli scienziati apparvero in Tartaria.

Il lavoro di un archeologo è difficile, ma estremamente interessante, e ricorda in qualche modo la professione di detective. Quando gli scienziati forensi ricostruiscono eventi del nostro presente, gli archeologi sono spesso costretti a mettere insieme storie ed eventi del passato antico con indizi appena percettibili. Dove l'occhio di un non esperto vede solo strati di terreno omogenei, l'esperto noterà sicuramente i resti di un'antica dimora, camino, cocci di ceramica e strumenti di lavoro. Ogni strato di suolo nasconde le tracce della vita delle generazioni umane, tali strati sono chiamati culturali dagli archeologi.

Il lavoro degli scienziati sembrava volgere al termine, e che Tartaria avesse rivelato tutti i suoi segreti ... E improvvisamente scoprirono all'improvviso una fossa piena di cenere nello strato più basso. Sul fondo hanno trovato statuette antiche, un braccialetto di conchiglie e tre piccole tavolette di argilla ricoperte di pittogrammi. Accanto a loro c'erano le ossa mozzate e carbonizzate di un adulto. A questo punto, gli antichi contadini apparentemente facevano sacrifici ai loro dei.

Con il diminuire delle emozioni, gli scienziati hanno guardato i piccoli tavoli. Due erano di forma rettangolare e il terzo era rotondo. C'erano fori circolari al centro sulla piastra rotonda e su quella rettangolare più grande. Un'attenta ricerca ha dimostrato che i tavoli erano fatti di argilla locale. I caratteri sono stati applicati solo da un lato. La tecnica di scrittura degli antichi tartari era molto semplice: i personaggi venivano incisi con un oggetto appuntito nell'argilla grezza, e poi il tavolo veniva bruciato.

Tavole sumere in Transilvania! Questo è inimmaginabile

Il mistero delle tavolette di argilla tartaraSe tali tavoli fossero trovati in Mesopotamia, nessuno sarebbe sorpreso. Ma le tavole sumere in Transilvania! Questo è inimmaginabile.

E poi hanno ricordato i frammenti dei vasi della cultura Turdaș-Vinča. Li paragonarono ai tartari e l'accordo era ovvio. Questo la dice lunga. I monumenti scritti di Tartaria non hanno avuto origine su un "isola deserta", ma facevano parte della letteratura pittografica della cultura balcanica di Vinča, diffusa nel periodo dalla metà del VI all'inizio del V millennio aC

I primi insediamenti agricoli apparvero nei Balcani già nel VI millennio a.C. e nel corso dei successivi mille anni si dedicarono all'agricoltura in tutto il territorio dell'Europa sud-orientale e centrale. Come vivevano i primi agricoltori? All'inizio vivevano in piroga e coltivano la terra con strumenti di pietra. Il raccolto di base era l'orzo. E nel tempo, l'aspetto dell'insediamento è cambiato.

Verso la fine del V millennio a.C. cominciarono ad apparire i primi edifici in argilla. La costruzione della casa è stata semplice: è stata realizzata una struttura portante in legno, alla quale erano attaccati muri che venivano intrecciati con aste sottili, e poi imbrattati di argilla.

L'abitazione era riscaldata da fornaci a volta. Non pensi che la casa sia molto simile ai cottage ucraini? E quando la casa cadde in rovina, la demolirono, spianarono il terreno e ne costruirono una nuova. In questo modo l'insediamento crebbe gradualmente in altezza. Per secoli, asce e altri strumenti in rame sono apparsi sugli agricoltori.

E che aspetto avevano gli antichi abitanti della Transilvania?

Molteplici figure scoperte durante gli scavi possono aiutarci a ricostruire il loro aspetto.

Di fronte a noi c'è la testa di un uomo fatta di argilla. Un viso maschile calmo, un naso caratteristico con una protuberanza, capelli divisi da un percorso e legati in un nodo sul retro. Chi ha ritratto l'artista antico? Il capo, lo sciamano o semplicemente il pari, è difficile da dire. Ma qualcos'altro è importante, davanti a noi c'è una statuetta, eseguita secondo alcune regole ferree, e il volto di un uomo antico della Transilvania. Ci sta guardando dalle profondità dei sette millenni!

Il mistero delle tavolette di argilla tartaraEd ecco una rappresentazione stilizzata di una donna. Il corpo è ricoperto da un intricato ornamento geometrico, che crea un motivo meraviglioso. Lo stesso ornamento può essere trovato in altre statue della cultura Turdaș-Vinča. Probabilmente l'intreccio artificiale delle linee aveva un certo significato. Forse era il tatuaggio che le donne usavano per abbellire in quel momento, o aveva un significato magico diverso. La risposta è difficile da trovare, perché le donne sono sempre state riluttanti a divulgare i propri segreti.

Particolarmente interessante è la grande brocca rituale, che risale al primo periodo della cultura Vinca. Su di esso vediamo un disegno, probabilmente raffigurante un santuario, che ricorda ancora i santuari degli antichi Sumeri. Corrispondenza casuale? Ma nel tempo sono distanti quasi venti secoli.

A proposito, da dove viene questa certezza sulla datazione? E come è stato possibile determinare l'età delle placche tartare quando non c'erano vasi durante gli scavi, o le loro cocci, secondo i quali si determina solitamente il periodo in cui sono state realizzate?

La fisica aiuta la storia

Gli archeologi sono venuti in aiuto dei fisici. Professore all'Università di Chicago, Willard Libby, che ha sviluppato il metodo di datazione utilizzando il carbonio radioattivo C-14 (ha ricevuto il premio Nobel per questa scoperta).

Il carbonio radioattivo C-14 si forma nell'atmosfera terrestre dai raggi cosmici, si ossida e cade a terra, entrando così nelle piante e successivamente negli animali. Nei tessuti morti, il suo contenuto diminuisce gradualmente e, dopo un certo tempo, una certa quantità di C-14 decade. L'emivita di C-14 è di 5360 anni. Pertanto, è possibile determinare il tempo trascorso dalla morte di piante e animali in base al contenuto di isotopi dei residui organici. Il metodo di W. Libby è relativamente accurato, le deviazioni sono ± 50-100 anni.

La fisica aiuta la storiaAllora cosa è successo realmente, quasi 7 anni fa, in un antico sito cerimoniale? Ha ragione il Sumerologo, che è convinto che gli archeologi abbiano scoperto tracce di cannibalismo rituale? Forse ha ragione. Ma è immaginabile che in una società che ha raggiunto un livello letterario considerevole, ci sarebbe il cannibalismo, anche se fosse un rito? È possibile, lo conferma un'indagine su un certo numero di civiltà precolombiane.

A proposito, l'iscrizione sumera, pubblicata da S. Langdon, racconta l'uccisione rituale del sommo sacerdote e poi l'elezione di uno nuovo. È possibile che qualcosa di simile sia accaduto in Tartaria. Hanno bruciato il corpo del sacerdote ucciso in un fuoco sacro e hanno posto statue degli dei, dei protettori della Tartaria e delle tavolette magiche sui suoi resti. Tuttavia, non abbiamo prove che il prete sia stato mangiato. Non è facile aprire il sipario di sei millenni. Antichi testimoni della cerimonia, statuette e ossa carbonizzate, tacciono. Ma forse parlerà un terzo testimone, personaggi antichi.

Parole su tavole di argilla

Sul primo piatto d'argilla è incisa una rappresentazione simbolica di due capre. Un orecchio è posto tra di loro. È possibile che la raffigurazione di capre e orecchie fosse un simbolo del benessere di una comunità basata sull'agricoltura e sull'allevamento del bestiame? O è una scena di caccia, come ipotizza N.Vlassa? È interessante che incontriamo un argomento simile sulle tavole sumere. La seconda tabella è divisa in parti più piccole da una linea verticale e una orizzontale. Ci sono diverse immagini simboliche su ciascuna di quelle parti.

Il cerchio dei simboli sacri sumeri è ben noto. E quando confrontiamo i simboli del nostro tavolo con le immagini sul vaso rituale trovato a Jamdet-Nasr, rimaniamo di nuovo sorpresi dal loro accordo. Il primo personaggio sul piatto sumero è la testa di un animale, molto probabilmente un bambino, il secondo raffigura uno scorpione e il terzo, a quanto pare, la testa di un umano o di una divinità. Il quarto personaggio raffigura un pesce, il quinto personaggio una specie di struttura e il sesto un uccello. Possiamo quindi supporre che la tavola contenga rappresentazioni simboliche di "bambino", "scorpione", "dio", "pesce", "spazio chiuso - morte" e "uccello".

I simboli dei piatti tartari non solo sono identici a quelli sumeri, ma sono anche disposti nello stesso ordine. Sta recitando Opere di tempi lontaniancora una volta solo una partita sorprendente? Probabilmente no. La forma grafica potrebbe essere casuale, la scienza conosce questi casi. C'è una straordinaria somiglianza, ad esempio, tra le varie caratteristiche dei misteriosi testi della civiltà proto-indiana Harapp e la scrittura rongo-rongo dell'Isola di Pasqua.

Tuttavia, la somiglianza dei simboli e la loro distribuzione probabilmente non sarà casuale. Questo ci porta a chiederci se le religioni del popolo di Tartaria e Jamdet-Nasra abbiano un'origine comune. E forse questa è la chiave specifica per decifrare i testi tartari - anche se non sappiamo cosa c'è scritto lì, sappiamo già in quale ordine leggere.

Possiamo decifrare l'iscrizione se la leggiamo in senso antiorario. Ovviamente non sapremo mai come suonava la lingua tartarica, ma possiamo decifrare il significato dei loro personaggi se basato sui loro equivalenti sumeri.

Quindi iniziamo a leggere la terza tabella, ci sono caratteri su di essa, divisi per linee. Il numero di simboli nelle singole parti non è grande, il che significa che le tavole tartarie, così come gli antichi testi sumeri, erano caratteri ideografici, sillabici e la morfologia non esisteva ancora.

La tavola rotonda dice:

SUORA KA.ŠA. UGULA. PI. IDIM KARA 1.

"Per il dio Shaue, l'anziano della profonda conoscenza è stato bruciato dai quattro sovrani."

Cosa significa l'iscrizione?

Ancora una volta, ci viene offerto un confronto con i manoscritti di Jamdet-Nasr, che contiene un elenco delle alte sacerdotesse, le sorelle che guidavano le quattro tribù. Sarebbe possibile che anche in Tartaria ci fossero tali sacerdotesse-governanti? Ma ci sono altre somiglianze. Nel testo tartarico viene menzionato il dio Shaue e il suo nome viene visualizzato esattamente come nei Sumeri. Sì, a quanto pare, il piatto tartaro conteneva brevi informazioni sul sacrificio rituale e sul rogo del sacerdote che aveva completato il suo regno.

Allora chi erano gli antichi abitanti della Tartaria che scrissero "Sumero" nel V millennio aC, quando il Sumero stesso non esisteva ancora a quel tempo? Erano gli antenati dei Sumeri? Alcuni scienziati ritengono che i predecessori sumeri si siano staccati dagli antichi Kartveles, che hanno lasciato l'attuale Georgia e il Kurdistan, nel 5 ° e 15 ° millennio a.C. Come potevano trasmettere la loro letteratura ai popoli dell'Europa sudorientale? La domanda è abbastanza seria e non abbiamo ancora una risposta.

Gli antichi abitanti dei Balcani hanno avuto un'influenza significativa sulla cultura dell'Asia Minore. È particolarmente possibile tracciare la connessione con la cultura di Turdaș-Vinča utilizzando pittogrammi sulla ceramica. Personaggi, talvolta del tutto identici a quelli vinciani, sono stati ritrovati anche nel territorio di Troia (inizio III millennio a.C.). Quindi iniziano ad apparire in altre parti dell'Asia Minore.

La propaggine più lontana degli scritti di Vinča comprende anche testi pittografici dell'antica Creta. Non si può essere in disaccordo con l'archeologo sovietico V. Titov che le radici dell'antica letteratura dei paesi dell'Egeo risalgono alla penisola balcanica nel 4 ° millennio a.C., e certamente non hanno avuto origine sotto l'influenza della lontana Mesopotamia, come pensavano in precedenza alcuni scienziati.

Inoltre, è noto che i fondatori della cultura balcanica di Vinca raggiunsero il Kurdistan e il Khuzistan attraverso l'Asia Minore nel 5 ° millennio, dove gli antenati dei Sumeri si stabilirono in quel momento. Poco dopo, in quest'area emerse la letteratura proto-elamale pittografica, il più vicino alla letteratura sumera e tartarica.

Si conclude quindi che coloro che hanno posto le basi della letteratura sumera paradossalmente non erano sumeri, ma abitanti dei Balcani. In quale altro modo si potrebbe spiegare che il testo più antico di Sumer, datato alla fine del IV millennio a.C., è apparso in modo del tutto inaspettato e in una forma completamente sviluppata. I Sumeri, così come i Babilonesi, erano solo buoni discepoli che presero caratteri pittografici dalle nazioni balcaniche e poi li svilupparono ulteriormente in un cuneiforme.

Peso del telaio inscritto, metà del V millennio aC, cultura Vinca-Turdas, odierna Romania. Le iscrizioni sono sia sul davanti che sul retro e lungo i lati. Foto da Segni di civiltà.

Rami di un albero

Dalle domande sorte nella ricerca del reperto tartareo, ne considero particolarmente importanti due:

  1. Come è nata la letteratura della Tartaria ea quale sistema di scritture appartiene?
  2. Che lingua parlavano i tartari?
  3. Perlov ha certamente ragione nell'affermare che la letteratura sumera apparve nella Mesopotamia meridionale alla fine del IV millennio a.C. inaspettatamente e in forma perfetta. Fu lì che fu scritta la più antica enciclopedia dell'umanità "Harra-hubulu", che ci ha permesso di conoscere la visione del mondo delle persone dal 4 ° al 10 ° millennio aC

Uno studio delle leggi dello sviluppo interno della pittografia sumera ci porta al fatto che alla fine del IV millennio a.C., la scrittura pittografica come sistema era già in declino. Di tutto il sistema di caratteri sumeri (sono stati contati circa 4 caratteri e le loro variazioni), sono stati utilizzati poco più di 38 caratteri, tutti provenienti da 5 gruppi di simboli antichi. Il processo di polifonizzazione (diversi significati di un personaggio) è iniziato in gruppi di personaggi del sistema sumero, ma molto prima.

La polifonizzazione ha gradualmente inciso l'involucro esterno di un personaggio complesso, ha poi sconvolto la disposizione interna dei personaggi nelle fondamenta "semi-decadute" dei gruppi, e poi ha distrutto la fondazione stessa. I gruppi di simboli si disintegrarono in volumi fonetici molto prima che i Sumeri arrivassero a Meziříčí.

È interessante notare che la letteratura proto-elam, che coesisteva con sumera e anche nel Golfo Persico, ha subito uno sviluppo analogo. La scrittura proto-islamica può essere ricondotta a circa 70 gruppi di caratteri di base, che si dividono in 70 volumi fonetici. E in entrambi i casi (proto-elamico e sumero) le caratteristiche hanno una struttura sia interna che esterna. Tuttavia, i caratteri proto-islamici hanno ancora determinanti e sono quindi sistematicamente più vicini ai caratteri cinesi

Durante il regno di Fu-si (2852-2752 a.C.), gli ariani nomadi del nord-ovest invasero la Cina e portarono con sé letteratura già completamente sviluppata. Ma nell'antica pittografia cinese passava la letteratura della cultura Namazga (Asia centrale). I singoli gruppi di caratteri hanno equivalenti sia sumeri che cinesi. Allora qual è l'accordo dei sistemi di scrittura delle diverse nazioni? Il nocciolo del barboncino è che proveniva tutto dalla stessa fonte, che si è disintegrata in VII. millennio a.C.

Durante i due millenni prima di questo crollo, l'area elamo-cinese entrò in contatto con le culture pre-numeriche di Guran e Zagros in Iran. La letteratura occidentale si opponeva alla letteratura occidentale, che si formò sotto l'influenza della cultura Zagro (Ganj Dare, vedi mappa). Successivamente, furono creati gli scritti degli egizi, dei cretesi e dei micenei, dei sumeri e anche dei tartari.

Pertanto, la leggenda della confusione babilonese delle lingue e della divisione di una singola lingua in più lingue non deve essere affatto infondata. Perché se confrontiamo i 72 gruppi di caratteri sumerici di base con gli analoghi simboli di base di tutti gli altri sistemi di scrittura, rimaniamo sorpresi dall'accordo non solo nel loro design ma anche nel loro significato.

E così abbiamo davanti a noi articoli complementari da un sistema una volta completo e poi disintegrato. Se confrontiamo il simbolismo ricostruito di questo font da IX. - VIII. millennio aC con i segni europei del tardo Paleolitico (20 - 10mila anni aC), non si può non notare la loro coincidenza tutt'altro che casuale.

Sì, caratteri IV. Il millennio aC non ha avuto origine in varie parti del nostro pianeta, ma è stato semplicemente il risultato di uno sviluppo peculiare dai frammenti di un sistema primitivo unificato disintegrato di simbolismo sacro, che è nato in un luogo. Come l'homo sapiens, anche esso viene da un posto, nonostante le opinioni dei razzisti.

Allora che lingua parlavano gli antichi tartari?

Diamo un'occhiata alla mappa etnica dell'Europa occidentale nel VII. - VI. Millennio aC A quel tempo, a seguito della rivoluzione neolitica, ci fu un'esplosione demografica. Nel corso dei secoli la popolazione è aumentata di 17 volte (da 5 milioni a 85). A quel tempo, c'era una transizione dalla raccolta e caccia all'agricoltura irrigua.

L'abbondanza della popolazione nella penisola balcanica, patria dei popoli semitico-amitici, mise in moto masse di persone e migrò verso aree meno popolate dove la rivoluzione neolitica non aveva ancora avuto luogo. Il trasferimento è avvenuto in due direzioni, a nord lungo il Danubio e a sud attraverso l'Asia Minore, il Medio Oriente, il Nord Africa e la Spagna. I Prassiti da est e i Prahamiti da ovest approfittarono della loro notevole superiorità numerica e spinsero i Praindo-europei all'estremo nord (in aree dove solo di recente c'è stata deglaciazione).

Le descrizioni delle lotte tra le nazioni sono state conservate nella mitologia celtica. I nomi prasloviani degli dei celtici confermano che i Praslov, che non si lasciavano sottomettere dal nemico, erano agli occhi dei Prakelts di Francia una luce di speranza e divennero i loro dei. I "maialini" celtici, i danani della famiglia Goria, conquistarono il Prařeky e poi entrarono in una lotta di lunga data con i prasemiti delle culture danubiane. Possiamo leggerlo sia nei miti indiani che in quelli greci.

La guerra è stata molto crudele e lunga. Una lontana nazione di Zagros iraniani divenne un alleato degli europei Praindo, che avevano attraversato la rivoluzione neolitica anche prima e invaso l'Asia Minore da est. Le "forbici" del Semito-Hamit sono state lacerate.

Gli Hamiti diressero una parte sostanziale delle loro forze nell'area dell'Egitto e i Semiti nel territorio della Grecia e dell'Asia Minore, dove alla fine fermarono l'invasione degli antenati degli antichi egizi. Tuttavia, si è rivelata la vittoria di Pirro. Alla fine, la campagna del Semito-Hamit non è stata coronata dal successo.

E in VI. Millennio aC, la rivoluzione neolitica ha avuto luogo anche tra i Praindo-europei. Dopo aver allevato il bestiame, presero il controllo delle grandi steppe. I Prahamiti furono assimilati dai Celti in tutta Europa, ei Prassiti si rifugiarono nella regione del Danubio inferiore.

All'inizio del V millennio a.C., fu creata una vasta zona cuscinetto (regione del Danubio superiore, Carpazi occidentali e Ucraina) con una popolazione molto particolare tra gli indoeuropei di Danimarca e Pomerania ei Prasemiti della Tracia. Successivamente, il gruppo etnico Lesb, le culture Tripoli-Kukuteni e Troy emersero dal suo nucleo (cultura Baden).

Abbiamo quindi buone ragioni per credere che ci fosse una connessione tra gli abitanti di questa regione, compresi i Tartari e Tripoli, e il Praetrusky, come confermato dai dati antropologici. Alla fine del V millennio a.C., i Praetrussiani cacciarono definitivamente i Prasemiti dai Balcani verso l'Asia Minore e il Medio Oriente. Questo spianò la strada agli allevatori indoeuropei che provenivano vittoriosamente dal nord.

Articoli simili