Sfida della vita: trova te stesso

15594x 09. 02. 2021 1 lettore
3a Conferenza Internazionale Sueneé Universe

La più grande avventura e sfida è scoprire chi siamo veramente. Per alcuni, cercare di trovare se stessi può essere un atto egoistico, ma è esattamente l'opposto. In effetti, è un processo disinteressato che guida tutte le nostre azioni e azioni. Per essere un ottimo partner, amico o genitore, dobbiamo conoscere noi stessi, cosa vogliamo dalla vita e dall'ambiente e cosa possiamo offrire.

Il processo di conoscenza

Questo processo include anche fasi meno piacevoli. Fasi che possono essere dolorose, ma sono una parte necessaria del processo. Coinvolgono la disintegrazione e il rilascio di strati che non ci servono nella nostra vita, che ci motivano negativamente o ci danneggiano. Tutto è condizionato dal sapere e rendersi conto di chi siamo veramente e di cosa ci fa andare avanti. Questo processo è un riflesso della nostra forza interiore, ma anche della nostra vulnerabilità. I seguenti 6 suggerimenti possono aiutarti a completare questo processo.

1) Accetta il tuo passato

Per scoprire veramente chi siamo e cosa vogliamo, dobbiamo conoscere la nostra storia. Siamo coraggiosi e immergiamoci nel nostro passato, perché può plasmarci più di quanto pensi. Che si tratti di traumi nascosti dell'infanzia, sentimenti di danno e sentimenti di odio. Tutto questo ci plasma e dobbiamo confrontarci con tutto e capire meglio perché diamo a tutto questo significato e ci colpisce così tanto.

L'ambiente, le opinioni e gli atteggiamenti dell'ambiente in cui siamo cresciuti hanno una grande influenza su come ci comportiamo in età adulta. Le esperienze di dolore infantile spesso determinano il modo in cui valutiamo e difendiamo noi stessi. Ad esempio, se avessimo un genitore molto duro ed esigente, potremmo avere una tendenza più forte a proteggerci o, al contrario, fare tutto il possibile per ringraziare l'ambiente circostante. È importante capire le tue motivazioni e le loro origini.

Quando proviamo a nascondere le nostre esperienze dolorose, a non ammetterle, possiamo sentirci persi. Possiamo agire intuitivamente in un certo modo e noi stessi non capiremo perché. Per comprenderne le cause possiamo utilizzare, ad esempio, la tecnica Mindsight, l'ipnosi, la terapia di regressione, la pittura, ecc. Dopo aver compreso e accettato, anche i momenti più impegnativi possono diventare la nostra parte naturale, che al contrario ci muoverà nello sviluppo, non rallentandoli.

Questi 4 passaggi aiutano anche:

Passo 1: Rinunciamo alle visioni critiche di noi stessi e degli altri. Questi pensieri invadenti e l'autostima negativa possono letteralmente minare i nostri piedi.

Passo 2: Se esprimiamo già un'opinione negativa di noi stessi, assicuriamoci che sia la nostra opinione. Che questa non è un'opinione negativa presa da genitori, amici o colleghi.

Passo 3: Proviamo a rinunciare a schemi difensivi che sono reazioni a dolorose esperienze infantili.

Passo 4: Sviluppiamo i nostri valori, obiettivi e ideali.

2) Trova un significato

La sopravvivenza spesso dipende dalla ricerca di un significato nella vita e nella gioia anche nelle condizioni più difficili. I sopravvissuti ai campi di concentramento potrebbero dirlo. Proviamo a trovare il nostro significato nella vita, che non deve sempre essere d'accordo con le opinioni degli altri. Le persone più felici non sono sempre quelle che cercano solo i piaceri una tantum, sono spesso persone molto più felici che hanno i loro obiettivi e principi e cercano la gioia nelle cose più ordinarie.

3) Pensa a quello che vuoi

Nella vita, spesso possiamo avere l'impulso di lamentarci di più di ciò che non abbiamo fatto che di notare ciò che abbiamo fatto. Quindi proviamo a concentrarci di più su pensieri e valutazioni positive, meno su ciò che abbiamo fallito o non volevamo. Cerchiamo di essere felici, innamorarci, avere successo ... Cerchiamo di non ascoltare gli insetti interiori che possono ricordarci che non ci meritiamo quello che fa ...

Proviamo a proiettare anche questo nella comunicazione. Quando siamo con un partner, non diciamo: "Non mi ascolti mai, non ti importa di me". Invece, diciamo: "Vorrei poter essere ascoltato e percepito di più". Un cambiamento di espressione può fare più di quanto pensiamo. Saremo molto più vicini al nostro partner.

4) Riconosci la tua forza personale

La forza personale si basa sulla fiducia e sulla forza che acquisiamo durante il nostro sviluppo. Troviamo la forza per respingere le opinioni e le opinioni che ci possono essere imposte. Troviamo la forza per essere sicuri delle nostre opinioni, per sostenerle.

5) Pratica compassione e generosità

Il Mahatma Gandhi una volta disse: "Il modo migliore per ritrovare se stessi è perdersi al servizio degli altri".. La ricerca spesso mostra che le persone sono più felici di dare che di ricevere. Pertanto, siamo generosi e compassionevoli, aiutiamo gli altri.

6) Non dimenticare il valore dell'amicizia

Non scegliamo la famiglia in cui nasciamo, ma questa famiglia ci plasma e ci influenza. Ma possiamo scegliere gli amici. Pertanto, permettiamo solo a quelle persone che ci rendono felici, che ci supportano e ci sviluppano. In questo modo creiamo la nostra cerchia di persone, che possiamo chiamare "famiglia".

Digita su eshop Sueneé Universe

Heinz-Peter Röhr: Infanzia condizionale - Ripristino della fiducia in se stessi

Tutti dovrebbero provare bella infanzia. Quando questo non è il caso, può avere conseguenze durante l'adolescenza e l'età adulta. Nella sua pubblicazione, Heinz-Peter Röhr propone soluzioni semplici che possono aiutare queste persone a riprendersi fiducia e indipendenza.

Heinz-Peter Röhr: Infanzia condizionale - Ripristino della fiducia in se stessi

Articoli simili

scrivere un commento