Che cosa cercava l'unità fascista Ahnenerbe in Carelia?

115929x 06. 10. 2018 1 Reader

Abbiamo avuto l'opportunità di conoscere le indagini segrete di Hitler, le esperienze mistiche e gli artefatti segreti. Ma recentemente, un fatto interessante e piuttosto misterioso è stato messo insieme: le truppe tedesche hanno effettuato un ampio sondaggio in Carelia, comprese le unità d'élite di Ahnenerbe. Che cosa cercava l'unità fascista Ahnenerbe in Carelia?

L'unità fascista e il suo scopo

È noto che l'obiettivo di Hitler era quello di stabilire una visione del mondo. Ma era chiaramente consapevole che ciò sarebbe stato possibile solo se avesse avuto un'arma nuova e potente che nessuno aveva ancora. Tuttavia, tutti gli sviluppi in quest'area richiedevano non solo il tempo, ma anche un dispositivo super potente in grado di creare energia irreale.

Hitler è sempre stato incline allo studio del misticismo e delle teorie occulte, e quindi ha scelto di prendere la minor resistenza. Ha studiato i miti e le leggende delle nazioni, che hanno coinvolto artefatti segreti, molti dei quali avevano una base molto reale. E poi ha bruciato con il desiderio di trovarli. Di certo gli ha promesso prospettive invisibili. Per la ricerca su così vasta scala, sono state create truppe d'élite di impegno speciale. Furono rubati dalle biblioteche e dai musei di Polonia, Francia, Unione Sovietica, sequestrati antichi manoscritti e considerati i più preziosi. Hitler era convinto che i documenti segreti contengano informazioni precise su dove sono nascosti gli artefatti e su come possono lavorare con loro.

L'unità di Ahnenerbe

L'unità di Ahnenerbe era tra le truppe schierate appositamente. Si dice che i suoi membri fossero impegnati nello sviluppo mistico. E nemmeno Karelli ha perso la sua attenzione. Nei boschi vicino a Kesteng (Kestenga, degno di nota) gli scienziati hanno trovato il medaglione di uno degli ufficiali del gruppo nazista d'élite Dead Head. I soldati di questa divisione venivano spesso usati nelle operazioni più importanti. Hanno anche partecipato alla Battaglia di Stalingrado e alla Battaglia dell'Arca Kurish. Ma come sappiamo, non c'è stata una lunga e furiosa battaglia in Carelia, e non ci sono state operazioni particolarmente importanti. Allora perché un ufficiale dell'unità d'élite si è trovato qui?

Vieni a unirti alla ricerca della patria guidata da Viktor Komkov. I ricercatori hanno trovato qualcosa di speciale: a Eletyozera (il nome del lago, Elethezero, che non aveva alcun significato militare, furono trovate due massicce linee difensive. Il primo era sotto il controllo del Norwegian Volunteer Ski Battalion della SS Nord, l'altro poi cadde sotto la Mountain Hunters Division SS.

Una piccola città fu trovata qui a Eletyozer, i cui edifici erano rinforzati con legno. Secondo i calcoli scientifici, è stato probabilmente costruito per scopi di ricerca piuttosto che per scopi di difesa. È interessante notare che in uno dei fori è stata trovata una corda, che aveva il diritto di trasportare solo lotti militari più alti. Un'arma del genere veniva usata per eseguire speciali rituali magici. Tre grotte sono state trovate nelle immediate vicinanze, ma non sono state in grado di penetrare perché si sono schiantate tutte a causa di esplosioni accurate.

Quindi cosa hanno a che fare le unità di élite SS in Carelia?

Come si è scoperto, questi luoghi hanno attirato non solo i tedeschi. Molto tempo fa, molti ricercatori sono stati istruiti da una sezione speciale di VČK-OGPU (VČK - La Commissione straordinaria tutta russa per combattere la controrivoluzione e il sabotaggio presso il Commissariato popolare della RSFSR, chiamato Ceka; OGPU - Entità politica degli Stati Uniti, Nota. Traduttore di.), guidato da Gleb Bokij e poi da un gruppo di scienziati guidati dal capo del laboratorio neuroscienziato Alexander Barchenko. La spedizione ha portato risultati ineguagliabili: è stato trovato Nord Shamballa! Ma lo stesso Barchenko considerava la Carelia "il territorio dell'antica conoscenza magica".

Secondo una leggenda, ci deve essere un tempio sotterraneo della dea Jumally, in cui è nascosta la Coppa d'oro vichinga. Qualunque siano le opzioni che ha, non si può dire, ma i ricercatori presumono che i suoi poteri magici siano praticamente illimitati. Dicono che la coppa sia stata perquisita anche dal noto mistico russo Nikolai Rerich. Ha saputo di lui dai documenti segreti di suo padre, Konstantin Fjodorovich Rerich, uno dei leader dei massoni di Pietrogrado. È chiaro che un artefatto così importante, che consente al suo proprietario di ottenere infinite possibilità, non può attirare l'attenzione dell'esercito hitleriano.

Scoperta sorprendente

Ma è possibile che i nazisti non abbiano nemmeno cercato una Viking Cup. Solo di recente, i ricercatori della penisola di Kolan e della Carelia Vladislav Trošin hanno fatto una scoperta sorprendente. Trovò materiali segreti che indubitabilmente suggeriscono che i tedeschi usarono forze speciali per creare la cosiddetta "spazzatura".

Gli abitanti originari della Carelia, i Sami, affermano che i mari sono edifici naturali o costruiti dall'uomo che consistono in grosse pietre costruite su molti più piccoli. Nei posti a sedere, come si suol dire, lo spirito adoratore di Sama vive. "Con l'aiuto di speciali rituali, è possibile rendere impossibile eseguire dal punto di vista della scienza contemporanea", dice Vladislav Trošin.

Il misterioso fenomeno è il risultato della costante comunicazione di sciamani con fantasmi più alti

Al giorno d'oggi sono frantumati in tutto il territorio della Carelia. È notevole che le pietre, ognuna delle quali pesa diverse tonnellate, possano spostarsi di volta in volta. I Sami affermano che questo misterioso fenomeno è il risultato della costante comunicazione di sciamani con spiriti superiori che abitano questi territori. Sembra irrealistico che ogni anno il numero di incontri misteriosi aumenti come se stesse letteralmente crescendo da sotto la terra. E quelli che hanno cominciato a cadere a pezzi sotto l'influenza dei venti e delle piogge sono letteralmente rinnovati come mani invisibili.

Vladislav Trošin, dopo aver esplorato una parte significativa della Carelia, disse che l'unità di Ahnenerbe era probabilmente impossibile, quasi riuscendo a subordinare il bestiame a svolgere i propri compiti. "Basta guardare le mappe di guerra di Carelia, attraverso i quali passano attraverso la linea del fronte e confrontarli con la posizione attuale di faglie geologiche e trovare quella partita", dice. "Questo è un risultato dell'interazione Ahnenerbe e si riunisce Mystic, perché fino ad allora non ci sarà mai interruzioni di riga non registrare, ma simile anomalo nucleo appaiono spesso in luoghi estremamente forte accumulo di energia."

Ma dire con assoluta precisione fino a che punto l'élite delle SS è avanzata nella sua ricerca, è difficile, perché tutte le tracce della loro attività sono state quasi completamente distrutte. Forse dovremmo diventare più familiari con le misteriose terre della Carelia. Chissà quali segreti nascondono ancora il suo territorio.

Articoli simili

Un commento su "Che cosa cercava l'unità fascista Ahnenerbe in Carelia?"

Lascia un Commento